Santuario Madonna della Quercia (VT)

Cosa visitare il Santuario Madonna della Quercia

Il Santuario della Madonna della Quercia o Santuario Basilica della Madonna della Quercia è il più importante luogo di culto della provincia di Viterbo nonché uno dei più spettacolari e storicamente significativi. Si trova a circa 3 km dal centro di Viterbo e 2 km da Bagniaia.

La storia del Santuario

La storia del santuario inizia nel 1417 quando mastro Battista Luzzante diede l’incarico di dipingere l’immagine della “Vergine Maria con un bambino tra le braccia” al pittore Monetto. L’icona fu poi collocata tra i rami di una quercia.
Cinquant’anni dopo avvenne il miracolo che spinse alla nascita del Santuario vero e proprio. Si narra, infatti, che un cavaliere per sfuggire ai suoi nemici, si avvicinò alla quercia che lo rese invisibile, riuscendo così a salvarsi. Nel 1467 iniziò la costruzione del Santuario della Madonna della Quercia che terminò nel 1469. Nel 1984 l’immagine fu incoronata da Giovanni Paolo II.

Santuario Madonna della Quercia (VT) | Cosa vedere e come visitarlo

Esterno del Santuario: la Facciata e il Campanile

L’esterno del santuario è sobrio, ma l’interno custodisce numerose opere di pregio e splendide decorazioni che non potranno che sbalordire il visitatore e il pellegrino. A questo si aggiunge una particolare torre campanaria e due suggestivi quanto spettacolari chiostri.
La visita al Santuario inizia dando uno sguardo alla facciata semplice e austera, opera di Carlo di Mariotto e di Domenico di Jacopo da Fiorenzuola (1508). Sulla facciata troviamo tre rosoni e tre portali riccamente decorati, sormontati da lunette di terracotta vetrificata realizzate da Andrea della Robbia nel 1508. Distaccata dalla chiesa si erge massiccia la torre campanaria, opera di Ambrogio da Milano.

I Chiostri

La visita al Santuario della Madonna della Quercia ci riserverà altre splendide sorprese, ammirando i due chiostri. Al primo, costruito nel XV secolo, vi si accede tramite un portale realizzato da Domenico da Fiorenzuola nel 1502. Fanno bella mostra i 6 gruppi di arcate nei lati maggiori e 5 in quelli minori. Costituita da due ordini: quello inferiore in stile gotico, risale 1481, mente quello superiore è stato realizzato in forme rinascimentali tra il 1511 e il 1513. Al centro sorge un’elegante cisterna, opera di Bruno di Domenico da Settignano (1508). Il secondo chiostro quadrato e più grande del primo, richiama lo stile architettonico toscano e fu attribuito ad Antonio da Sangallo il Giovane. Una fontana centrale del 1663 arricchisce lo scenario.
Molte altre opere del XVI, XVII e XVIII secolo si trovano sia nel refettorio sia nella sagrestia, con dipinti e affreschi che completano la visita al Santuario della Madonna della Quercia nel modo migliore.

Cosa vedere nei dintorni del Santuario Madonna della Quercia

Numerosissime sono le attrazioni turistiche che si trovano nelle vicinanze del Santuario della Madonna della Quercia ad iniziare da Viterbo con i suoi superbi monumenti. Nn da meno sono gli splendidi borghi di Montefiascone, Vitorchiano, Bomarzo, Soriano nel Cimino, Fabrica di Roma e Tuscania. Da vedere sono le preziose testimonianze storiche e architettoniche del passato come le antiche città, i borghi fantasma, i siti archeologici e i castelli come Norchia, Ferento, Castel d’Asso, Castel Cardinale e il Parco dei Mostri di Bomarzo. Inoltre grande interesse ambientale e turistico assumo i due grandi laghi della Tuscia: il Lago di Vico a sud e il Lago di Bolsena a nord di Viterbo.

Come visitare il Santuario Madonna della Quercia

La visita al Santuario è libera, ma si consiglia di consultare il sito ufficiale per conoscere gli orari delle sante messe così da visitarlo nel migliore dei modi.

Informazioni turistiche

Santuario Madonna della Quercia
Gestore Polo Museale del Lazio
Piazza del Santuario
01030 Località La Quercia – Viterbo (VT)
Tel. +39 0761.30.34.30
Sito del MIBAC sul Santuario 

Sito Web del Santuario
www.madonnadellaquercia.it

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb