I Monti Ernici

Monti Ernici: Itinerari, Escursioni e Trekking

Tante sono le emergenze naturalistiche e storico-culturali presenti sia sui Monti Ernici che sui Cantari. Si auspica che le Regioni Lazio e Abruzzo possano dar vita a un importante quanto unico Parco Interregionale.

Il gruppo dei Monti Ernici si pongono, infatti, tra il Parco Regiornale dei Monti Simbruini e il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

La Natura dei Monti Ernici

Quasi tutta l’area è ricoperta di boschi che comprendono gran parte delle piante mediterranee fino all’acero montano e il faggio, essenza arborea più abbondante. La sua importanza ecologica è notevole ma non è solo questo che da rilevanza a quest’area. Qui come nei vicini parchi possiamo trovare varie specie di animali come la volpe, faina e il tasso. In passato si sono avuti rari avvistamenti di orsi, esemplari che non sostavano in questi luoghi per lunghi periodi di tempo. Tra gli uccelli merita segnalare l’aquila reale, il gracchio alpino e corallino, l’astore, il falco pellegrino, la poiana e lo sparviero.

L’escursionista può ammirare elementi floro-faunistici e paesaggistici di tutto rilievo. La specie più diffusa in tutta l’area è tra gli alberi il faggio di cui spesso si incontrano esemplari secolari le cui dimensioni sono veramente eccezionali. Tra i più rari, gruppetti di lupi e alcune coppie di aquile reali che perlustrano in lungo e in largo tutta l’area alla ricerca delle loro prede preferite. Altri uccelli rapaci che si possono invece notare con una certa frequenza sono il falco pellegrino e l’astore.
Gli uccelli sono tantissimi come il gracchio, l’upupa, il fringuello alpino, giusto per citarne alcuni. Piccoli mammiferi come le arvicole, che scavano tra l’erba le loro gallerie sotto la neve, i topolini, i ghiri, ecc. sono invece le prede ricercate dalle volpi, donnole e faine.

Monti Ernici | Sentieri nel Lazio

I Borghi dei Monti Ernici

Inutile sottolineare anche l’importanza economica che i paesi posti alle pendici dei Monti Ernici come Veroli, Sora, Alatri, Collepardo, Guarcino e Vico nel Lazio. Senza dimenticare più quelli presenti nel versante abruzzese tra cui Balsorano.
Tali borghi hanno l’arduo ma doveroso compito di creare uno sviluppo economico più appropriato per il territorio. Dovranno gestire al meglio il potenziale ecologico e turistico, sensibilizzando visitatori e residenti verso la salvaguardia del territorio. Infine creare nuove attività eco-compatibili all’interno dei piccoli centri montani, per le generazioni future.

Orografia e Paesaggio dei Monti Ernici

La catena dei Monti Ernici, segna il confine tra le due regioni sopra citate, e comprende cime che mediamente si attestano tra i 1800 e i 2000 metri, con la cima più alta del Monte del Passeggio con i suoi 2064 metri.
La varietà di ambienti, l’esposizione, la posizione geografica, la storia, fanno di questa vasta area una delle are montuose più interessanti della regione. Anche il patrimonio storico-ambientale merita la massima protezione e la massima valorizzazione turistica se fatta con criteri ispirati all’equilibrio e alla saggezza.

La Monna da Campo Catino | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

La Monna da Campo Catino

Itinerario lungo, poco faticoso e per alcuni tratti insolito: si camminerà infatti per circa 13 km compiendo il modesto dislivello di circa 400 metri. Ma perché insolito? Prima di tutto perché il percorso si svolge interamente in quota, scenario non di certo usuale…

Vai all’itinerario

La Monna da Vico nel Lazio | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

La Monna da Vico nel Lazio

Tra i molti itinerari che salgono a La Monna, questo da Vico nel Lazio è certamente quello più faticoso e difficile. Questo per via del dislivello, per l’esposizione a sud e per la lunga salita di cresta della parte finale. La Monna, se vista da nord, appare come una modesta…

Vai all’itinerario

La Monna dalla Certosa di Trisulti | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

La Monna dalla Certosa di Trisulti

Commentare questo itinerario, che sale sulla cima de La Monna, non è certo cosa facile; l’uso di aggettivi superlativi sarebbe così frequente da risultare quasi smodato agli occhi di chi legge. La natura, i paesaggi e il panorama che si possono ammirare…

Vai all’itinerario

Monte Crepacuore | Sentieri nel Lazio

Monte Crepacuore da Campo Catino

Il Monte Crepacuore, posto a guardia del versante meridionale dei Monti Cantari, è la meta di questa piacevole escursione, adatta a tutti ed estremamente panoramica. Giunti alla Fonte del Pozzotello una sosta è d’obbligo: per le fresche acque che sgorgano…

Vai all’itinerario

Monte del Passeggio da Prato di Campoli | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Monte del Passeggio da Prato di Campoli

Questo da noi proposto è un itinerario che si presenta con due differenti aspetti e che ci costringerà, lungo il percorso, ad un netto cambio di passo. Ma spieghiamo meglio il concetto. La gran parte del dislivello si svolge tra i Pozzi di Campoli e il Monte delle Scalelle…

Vai all’itinerario

Monte Ginepro da Prato di Campoli | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Monte Ginepro da Prato di Campoli

Il Monte Ginepro è tra le elevazioni meno note dei Monti Ernici. Stretto dalla fama dei vicini Pizzo Deta e La Monna, spesso viene preso in scarsa considerazione da chi pratica escursionismo e a volte persino snobbato da alcuni autori. Noi riteniamo invece che…

Vai all’itinerario

Pizzo Deta da Prato di Campoli | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Pizzo Deta da Prato di Campoli

Il Monte Ginepro è tra le elevazioni meno note dei Monti Ernici. Stretto dalla fama dei vicini Pizzo Deta e La Monna, spesso viene preso in scarsa considerazione da chi pratica escursionismo e a volte persino snobbato da alcuni autori. Noi riteniamo invece che…

Vai all’itinerario

Serra Comune da Prato di Campoli | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Serra Comune da Prato di Campoli

Circondato dalle più alte e note vette del Pizzo Deta, Monte Fragara e Monte del Passeggio, la Serra Comuneoffre comunque una passeggiata ricca di scorci in ambiente interessante e solitario. Al boscoso Vallone dell’Acquaro si alternano le piacevoli…

Vai all’itinerario

Sorgente Capo Fiume dalla Certosa di Trisulti | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Sorgente Capo Fiume dalla Certosa di Trisulti

Questo itinerario, che si svolge quasi interamente lungo un fondovalle, ci porta alla scoperta di una delle valli più selvagge dei Monti Ernici: si tratta della Valle del Fiume, la naturale porta d’ingresso all’ancor più selvaggia Valle dell’Inferno. Insieme, queste due valli
Vai all’itinerario

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb