I Monti Sabini

Monti Sabini: Itinerari, Escursioni e Trekking

I Monti Sabini, inseriti nella più vasta area della Sabina, è una catena che si estende quale naturale prosecuzione verso nord-ovest, del gruppo dei Monti Lucretili. A oriente confinano con il Salto-Cicolano, a occidente con la valle del Fiume Tevere e a nord con le colline di Terni.

I Monti Sabini: Natura e Paesaggio

Per quanto questi monti non raggiungano quote elevate, i più alti sono il M. Pizzuto e il M. Tancia la cui altezza è di poco inferiore ai 1300 metri, hanno una ricchezza naturalistica e storico-culturale di una certa valenza. Su molte guide e carte la Sabina non è ben delimitata. Lo straordinario è, che nonostante le mutazioni politiche che si sono avvicendate nei secoli, essa ha mantenuto quelle caratteristiche che mettono in evidenza la sua peculiaretà. Strabone nel suo libro V°, ne dà, tra l’altro, una descrizione geografica: “I Sabini hanno un territorio angusto e montano che si estende per una lunghezza di 125 miglia dal Tevere Nomento fino ai Monti Vestini”.

Tutta quest’area, tra l’altro più vasta dei vicini Lucretili, nasconde angoli di straordinaria bellezza soprattutto nel periodo primaverile e autunnale. Nelle altre stagioni tale bellezza si manifesta con paesaggi unici, da “percorrere” e gustare a tutto campo anche grazie al clima mite. Inoltre la vicinanza alla confinante valle santa ne fa una meta veramente da non trascurare.
La natura calcarea dei Monti Sabini somiglia per certi versi i gruppi montuosi dell’Appennino laziale quali ad esempio i Lepini oppure gli Ausoni e già citati Lucretili così che non mancano le doline, le forre, le grotte.

Monti Sabini | Sentieri nel Lazio

La Flora e la Fauna dei Monti Sabini

La copertura vegetale è data da macchie di lecci sul versante esposto a ovest mentre sul lato opposto sono predominanti le querce caducifoglie e le faggete. Queste ultime sono poco estese, e situate solo sulle quote più alte, al di sopra dei 1000 metri. Le zone prative soprattutto nella parte più a nord si ricoprono in primavera di spettacolari fioriture tipiche dei terreni calcarei tra cui moltissime composite e orchidee.
La fauna, purtroppo, ha subito negli ultimi decenni una drastica diminuzione dovuta a opera della caccia, molto pressante vista la vicinanza a Roma. Il settore più penalizzato ovviamente è quello dell’avifauna mentre per i mammiferi, spesso è stato avvistato il lupo, tranne le altre specie di grossa taglia, rettili e anfibi, la situazione è ancora a livelli accettabili.

Il futuro parco dei Monti Sabini

Nonostante la ricchezza di cui si è parlato prima, non si comprende come mai non sia stata ancora istituita una riserva regionale che abbracci tutta la catena dei Monti Sabini che va da Monteleone Sabino a Greccio. Battaglie e iniziative condotte dalle associazioni ambientaliste, WWF in testa, sembra che ancor oggi non hanno dato alcun risultato ma vogliamo ben sperare che la sua tutela diventi realtà nel prossimo futuro.

Monte Macchia di Mezzo da Greccio | Sentieri nel Lazio

Monte Macchia di Mezzo da Greccio

Sarà la vicinanza del santuario francescano di Greccio ma camminando lungo questo sentiero si respira un’aria di sacralità. Il sentiero ad anello che raggiunge Monte Macchia di Mezzo esplora la parte centro orientale dei Monti Sabini. Il sentiero non presenta tratti

Vai all’itinerario

Monte Porco Morto da Contigliano | Sentieri nel Lazio

Monte Porco Morto da Contigliano

Per quanto il sentiero che giunge sulla cima di Monte Porco Morto sia breve, con basso dislivello e di facile percorrenza, tuttavia è stato scelto proprio per la sua bellezza paesaggistica. Questa si esprime nella sua pienezza soprattutto nel periodo primaverile e…

Vai all’itinerario

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb