Le Ville Pontificie e i Giardini a Castel Gandolfo (RM)

Alla scoperta delle Ville Pontificie e dei Giardini Barberini
Un mosaico dove arte e natura si fondono mirabilmente

A Castel Gandolfo, centro turistico vicino Roma, inserito tra i Borghi più Belli d’Italia, si estende una delle aree storiche, artistiche e archeologiche più pregevoli di tutti i Colli Albani. Ad arricchire questi 55 ettari di meraviglie si alternano giardini di rara suggestione. Questo scrigno di bellezze che si estende dal Palazzo Apostolico fino alle porte di Albano Laziale costituisce le cosiddette “Ville Pontificie” zona extraterritoriale sotto il governo della Città del Vaticano.

Le Ville Pontificie nella Storia

L’area in cui si trovano sia le ville che i giardini (i Giardini di Villa Barberini su tutti) è l’antica sede di una delle più sontuose ville romane, l’Albanum Domitiani, realizzata per volere dell’imperatore Domiziano (81-96 d.C.) e destinata a residenza privata di campagna. Ancora prima che diventasse dimora estiva per i papi, qui sorse la leggendaria Alba Longa, citata da Tito Livio, Svetonio e Marziale.
In seguito al disfacimento dello Stato Pontificio avvenuto nel 1870, questi luoghi meravigliosi sono rimasti abbandonati per oltre sessant’anni. Dal 1932 il Palazzo e le Ville Pontificie hanno subito una radicale trasformazione che le porterà nuovamente ad essere dimora estiva abituale e privilegiata dei papi. Nel 2016, per decisione di papa Francesco, il Palazzo Apostolico è stato definitivamente trasformato in museo aperto al pubblico.

Le Ville Pontificie e i Giardini a Castel Gandolfo (RM) | I Giardini del Lazio

I Giardini delle Ville Pontificie

Oltre agli elementi architettonici e archeologici, si inserisce egregiamente il Giardino del Moro risalente al Seicento e adiacente al Palazzo Apostolico. A questa fu annessa Villa Cybo e infine Villa Barberini voluta e costruita dal principe Taddeo nel 1631. A completare la complessità e la ricchezza di questa zona annoveriamo anche il Giardino della Magnolia, il Giardino del Belvedere, la Specola Vaticana, il Convento delle Clarisse e il Palazzo della Propaganda FIDE. La cura e la raffinatezza con cui sono stati realizzati i giardini si possono meglio gustare osservandoli da tutte le prospettive.
I giardini custoditi all’interno delle mura rappresentano oggi uno dei tanti gioielli artistici delle Ville Pontificie di Castel Gandolfo, uno dei luoghi più belli dei Colli Albani.

Cosa visitare nei dintorni dei Giardini

La visita alle Ville Pontificie non può che essere abbinata al borgo di Castel Gandolfo, uno dei tanti borghi che formano i così detti Castelli Romani, ampia area dove si trovano numerose vestigia del passato e rilevanti testimonianze storiche e culturali.

Pertanto i dintorni offrono una vasta gamma di spunti di visita a cominciare dalla vicinissima Albano Laziale (2,7 km), per proseguire poi con Ariccia con le sue bellissime opere del Bernini (4,1 km), Rocca di Papa (8,1 km), Nemi (9,3 km) con il vicino Lago omonimo e Monte Porzio Catone (13,8 km). Non dimentichiamo poi i noti centri storici di Genzano di RomaMarino, Grottaferrata e Frascati.

Quasi tutte le località nominate rientrano nell’area protetta del Parco Regionale dei Castelli Romani che ha indubbiamente valorizzato tutta l’area dei Colli Albani rendendola una delle mete turistiche preferite dai romani e non solo. Infine non possiamo che consigliare la visita a Grottaferrata (8,4 km da Castel Gandolfo).

Informazioni turistiche

Orari di Visita e Prezzi del Biglietto

Per tutte le informazioni riguardanti i prezzi del biglietto, gli orari d’ingresso con visite guidate, prenotazioni e aperture straordinarie delle Ville Pontificie e dei Giardini Barberini, consigliamo di consultare la pagina relativa sul sito ufficiale dei Musei Vaticani.

Ville Pontificie
Musei Maticani – Città del Vaticano
Informazioni generali
Viale Vaticano snc,
00165 Roma
Tel. +39 06 69884676
Tel. +39 06 69883145
E-mail: info.mv@scv.va
Sito Web dei Musei Vaticani

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb