Abbazia di Casamari – Veroli (FR)

Cosa vedere e cosa visitare all’Abbazia di Casamari

Nei pressi di Veroli, lungo la Via Maria che collega Frosinone a Sora, e nelle immediate vicinanze del Fiume Amaseno, sorge l’imponente Abbazia di Casamari.

Fondata originariamente dai monaci benedettini nel XI secolo, agli inizi del XIII secolo l’Abbazia passò all’Ordine monastico Cistercense. Questo ne rimodernò ed ampliò la struttura, ed oggi essa si presenta quale uno dei più notevoli monumenti d’architettura gotico-cistercense rimasti intatti.

La Notte dei Calici 2019 a Vicovaro (RM) | Eventi enogastronomici nel Lazio

Le origini dell’Abbazia di Casamari

L’area dove ora sorge il complesso abbaziale di Casamari era abitata già dal IX secolo a. C. dai Volsci e dagli Ernici. Nel IV secolo, invece, era terra dei Sanniti, che lo cedettero successivamente ai Romani. L’origine del nome “Casamari” è remoto. Alcuni studiosi ritengono che abbia radici tosco-umbre, altri invece lo associano all’unione dei termini “Casa Marii”, con il chiaro riferimento al generale romano, Caio Mario, che si presume sia nato in questi luoghi.

I dati storici e archeologici, però non consentono di stabilire con precisione dove era il sito originale poiché nello stesso posto sorgeva il piccolo villaggio di Cereatae Marianae, edificato in onore della dea Cerere e attraversato dalla via Maria, i cui resti sono ancora oggi evidenti.

L’Abbazia di Casamari e i Templari

I lavori di ristrutturazione di Casamari vennero affidati a una Corporazione Muratoria, i cui sapienti scalpellini hanno lasciato, intagliati in diversi angoli della chiesa, alcuni simboli distintivi della propria compagnia, ripresi in seguito anche dalle associazioni Massoniche sorte nel corso del Settecento in Ciociaria. Quest’ultime, infatti, oltre a raccogliere l’eredità culturale-esoterica dei Templari, si ricollegano, ancor di più, alle Corporazioni Muratorie medievali. Alcuni dei suddetti emblemi sono visibili all’interno della chiesa. Scolpito sul capitello della prima colonna a destra della navata centrale, è una tau templare, appesa alla quale, vi è un grembiule da scalpellino. Nella facciata posteriore dello stesso capitello, invece, vi è un braccio che tiene in pugno uno scalpello ed una squadra. Inciso su un altro capitello è il simbolo dell’”Ouroboros”, ossia la rappresentazione alchemica del “tutto in uno”, del “Principio e della Fine”, raffigurata da due serpenti che si mordono la coda.

I simboli dell’Abbazia di Casamari

Tra le sculture del coro ligneo, si nota, tra l’altro, un’altra figura che richiama anch’essa la simbologia massonica, Si tratta di un piccolo cigno intarsiato che s’incide il petto con il becco. Infine sulla lunetta del Portale dei Conversi è raffigurato l’emblema dell’Albero della Vita. Questo, inoltre, è affiancato da due croci templari. Una particolarità dell’architettura Cistercense è la quasi assenza di elementi decorativi, finalizzata a non distogliere dalla preghiera il fedele. Fatto insolito è, dunque, che su uno dei capitelli del chiostro, si trovano riprodotti tre volti raffiguranti Federico II di Svevia, il suo cancelliere Pier delle Vigne, e forse Gioacchino da Fiore, che a loro volta evidenziano gli stretti rapporti intercorsi tra l’Imperatore e i monaci Cistercensi.

Un fatto questo, particolarmente ambiguo, in quanto è noto che Federico II non godeva dell’approvazione della Chiesa, dalla quale, tra l’altro, venne persino scomunicato, mentre con i monaci dell’Ordine Cistercense instaurò, misteriosamente, un forte legame. Se ciò sia ricollegabile o meno alla stretta relazione intercorrente tra i Cavalieri Templari ed i monaci cistercensi e non è certo. È invece documentata sia la loro affiliazione all’imperatore svevo, avvenuta nel 1221, sia che egli fu ospite presso l’Abbazia di Casamari durante l’incontro con il Papa, quando decisero della quinta crociata.

Cosa vedere nei dintorni dell’Abbazia di Casamari

I dintorni dell’Abbazia di Casamari offrono mete del massimo interesse. Prima fra tutte la vicina Veroli con il suo bellissimo centro storico.

Sempre nelle immediate vicinanze dell’abbazia meritano poi una visita senz’altro la non lontana Alatri, la “Città dei Ciclopi”, l’arroccato borgo di Monte San Giovanni Campano con il suo maestoso Castello, e la Certosa di Trisulti, nei cui pressi vi sono il Pozzo d’Antullo e la Grotta di Collepardo.

Per gli escursionisti e gli appassionati di natura, invece, è d’obbligo raggiungere il vicino Prato di Campoli, spettacolare altopiano carsico posto nel cuore dei Monti Ernici e circondato dalle vette maggiori del gruppo.

Come visitare l’abbazia

Orari di visita

La visita all’Abbazia di Casamari è libera, ed è regolata dal seguente orario: 9-12, 15-18. Si raccomandano rispetto, silenzio e compostezza assoluti. Anche la visita delle chiese del centro storico è libera, ma occorre tenere conto che la loro apertura non è regolata da orari precisi. Si consiglia quindi di visitarle la domenica, quando è maggiore la possibilità di trovarle aperte. Infine, i “Fasti Verulani” sono situati all’interno di una proprietà privata e dunque sono visibili, sulla destra, soltanto dall’esterno del cancello della Casa Reali. Le “triplici cinte” sono naturalmente visibili senza alcun problema.

N.B. gli orari delle visite guidate e di apertura dell’abbazia potrebbero subire delle variazioni. Pertanto Vi consigliamo di fare sempre riferimento alle informazioni rilasciate sul sito ufficiale dell’abbazia. 

Informazioni turistiche

Abbazia di Casamari
Tel. +39 0775.28.23.71
Sito Web dell’Abbazia

Biblioteca
Tel. +39 0775.28.28.00

Istituto S. Bernardo
Tel. +39 0775.28.32.44

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb