Itri (LT)

Cosa visitare e cosa vedere a Itri

Il borgo di Itri, situato su un modesto colle alle pendici dei Monti Aurunci, a dominio della Via Appia e a circa metà strada tra Roma e Napoli, è uno tra i più interessanti della Provincia di Latina. Di antiche origini, il paese mostra oggi, seppur a tratti, un aspetto tipicamente medievale, arroccato com’è attorno alla mole dell’imponente castello.

Posta a 170 m s.l.m. e a soli 8 km dalla costa, negli ultimi decenni ha avuto un forte sviluppo urbanistico dovuto soprattutto alla presenza della Via Appia, che la collega a grandi centri quali Fondi, Formia e Gaeta.

itri cosa vedere

Itri nella storia

Il territorio di Itri fu abitato fin dalla preistoria. Ne sono testimonianza i diversi rinvenimenti di epoca neolitica e dell’Età del Bronzo ritrovati lungo la valle che collega l’entroterra al mare. Successivamente fece parte prima del territorio degli Aurunci e poi dei Romani. Già punto strategico per la vicinanza al mare, Itri diventò un importante snodo di comunicazione dopo la costruzione della Via Appia nel 312 a.C. Non a caso, infatti, il nome del paese deriverebbe dal termine latino iter, ovvero, “cammino”.

Tuttavia, le prime notizie di Itri come centro abitato risalgono solamente al 914. Nello stesso periodo, su un’altura a dominio della Via Appia sorse il castello che oggi tutti possiamo ammirare. Durante il periodo medievale, Itri appartenne dapprima al ducato di Gaeta e in seguito passò ai signori Dell’Aquila, quelli di Fondi e , infine, ai Caetani.

Il castello

Il castello è di certo la principale attrazione di Itri. Posto sulla collina denominata Sant’Angelo, si presenta possente e maestoso. Articolato intorno ad una torre a base pentagonale è arricchito di una cinta merlata e da una seconda torre, a base quadrata, che sovrasta, in altezza, la prima.
Dopo la costruzione di questo primo nucleo centrale, la fortezza venne ampliata con il cammino di ronda, che unisce la parte abitativa ad una terza torre, questa volta a base cilindrica. Attualmente, al suo interno,  si svolgono mercatini dell’artigianato locale, cerimonie pubbliche e private e convegni. Inoltre, ospita diverse mostre di artisti locali e stranieri.

Scopri di più sul Castello Medievale di Itri

Il centro storico

Di sicuro interesse nel centro storico di Itri sono il Convento di San Francesco (risalente al 1324) con annessa Chiesa di San Francesco e la Chiesa di Santa Maria Maggiore, completamente restaurata dopo i pesanti bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale. Questi due edifici si trovano nella parte bassa del paese mentre, in quella alta, possiamo ammirare l’interessante Chiesa di San Michele Arcangelo risalente all’XI secolo. Questo edificio sacro, il più antico di Itri, eretto su un antico tempio pagano presenta uno splendido il campanile a base quadrata di gusto arabo-normanno, formato da due piani di bifore romaniche e da un piano di trifore ogivali, e decorato con scodelle maiolicate.

Di grande interesse è anche il Museo del brigantaggio di Itri, patria del celebre Fra’ Diavolo. Il museo è stato realizzato grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea e offre al visitatore percorsi espositivi che invitano entrare in contatto con fonti, problemi e strumenti interpretativi del fenomeno del brigantaggio nel Basso Lazio.

Cosa visitare nei dintorni di Itri

Prendendo la Via Appia in direzione di Fondi, si può visitare uno dei tratti più ben conservati della Via Appia Antica. Nelle  immediate vicinanze sorgono anche i ruderi di una villa romana di età repubblicana e di un fortilizio utilizzato da Fra’ Diavolo per difendere la valle dai Francesi nel 1798.

Nelle vicinanze di Itri, inoltre, si trovano luoghi di grande interesse come il Santuario Madonna della Civita e il Santuario della Santissima Trinità.  Uscendo invece dal territorio comunale, meritevoli di una visita sono il caratteristico e suggestivo borgo di Sperlonga e la vicina Villa di Tiberio, Gaeta con la sua spettacolare Grotta del Turco, Formia e il Lago di San Puoto.

Verso l’entroterra, invece, consigliamo la visita al borgo più alto della provincia di Latina, ovvero Campodimele raggiungibile percorrendo la tortuosa e panoramica strada regionale 82. Questo grazioso paese, tra l’altro, ha l’insolito primato di possedere il più alto tasso di longevità d’Italia.

Informazioni turistiche

Comune di Itri
Piazza Umberto I, 1
Tel. +39 0771.73.21
Sito Web del comune

Pro Loco Itri – Visita al castello
Visite al castello
Tel. +39 0771.73.22.07
Pagina Facebook

Museo del Brigantaggio
Corso Appio Claudio, 268
Tel. +39 0771.72.10.61
Sito Web

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb