Castello di Itri (LT)

Cosa vedere e come visitare il Castello di Itri

Per chi sale da Formia (o da Sperlonga) verso Itri colpisce lo sguardo la possente mole del Castello di Itri, maestosa fortezza medievale, posta sulla zona più elevata della cittadina, chiamata la collina di Sant’Angelo.

Il Castello di Itri nella Storia

Dalle origini al 1250

La prima edificazione del Castello fu dovuta al Duca di Gaeta, Docibile I che fece costruire una torre pentagonale e una piccola cinta merlata. Nel 950 il nipote di Docibile, Marino I, ampliò la struttura realizzando un’altra torre a base quadrata più alta e maestosa della prima. Altri lavori seguirono nei decenni successivi che rese il Castello di Itri sempre più possente. Si aggiunsero una zona abitativa, un torrione cilindrico collocato più in basso e un cammino di ronda realizzato nel 1250, che unisce lo unisce al castello. Vicino la Torre pentagonale, ad un livello inferiore, è stato costruito una sorta di fortilizio con tre piccole torrette. La struttura veniva utilizzata per rifocillare i cavalli, dare ristoro alla servitù e ai gendarmi.

Dalla II° Guerra Mondiale ai giorni nostri

Durante la guerra un pesante bombardamento lo danneggiò e dopo lunghi restauri è stato acquistato dalla provincia di Latina nel 1979 e in seguito ceduto al comune di Itri. La prima parte dei lavori consenti l’accesso la castello il 4 giugno 2003 giorno in cui si ebbe anche l’inaugurazione. Infine il 14 settembre 2007 l’intera struttura venne aperta al pubblico.

Castello di Itri | Castelli del Lazio

La visita al Castello di Itri

Le Sale e gli ambienti interni

Una volta ammirato il Castello di Itri dall’esterno, possiamo accingerci a visitarlo internamente. Salita una scala si arriva in una reception dove si paga il biglietto (3 Euro). Qui alcuni addetti illustrano la storia del castello e le caratteristiche degli ambienti interni. La parte del castello destinata ad abitazione si sviluppa su due piani, ciascuno diviso in tre sale. Si inizia entrando subito a sinistra dove troviamo le tre sale. Nella seconda sala è possibile accedere al piano inferiore.

Il piano in epoche passate era adibito per esclusivo uso domestico, provato dalla presenza di alcuni resti del forno e di una vasca per la conservazione del cibo; tutti gli elementi descritti sono visibili nella stanza sulla sinistra. Inoltre si può osservare un’antica cisterna per la raccolta delle acque piovane. Al secondo piano si trovava quella che un tempo era la Cappella privata dei Caetani. È possibile individuarla grazie alla presenza di un camino ed un affresco raffigurante Sant’Antonio abate e una Madonna lattante con il Bambino. Salendo l’ultima rampa di scale della torre quadrata si accede a un’ampia terrazza da cui è possibile ammirare un vasto panorama.

Le leggende del Castello di Itri

Anche la storia del Castello di Itri si intreccia con le leggende. Una di queste narra che nelle buie e tempestose notti, si udirebbero i lamenti di fantasmi. C’è chi sostiene di aver visto fluttuare dei mantelli lungo il cammino di ronda che collega il castello alla “Torre del Coccodrillo“. Questa torre, (la torre cilindrica collegata a quella quadrata) è chiamata così grazie ad un’altra leggenda. Essa narra della presenza di acqua al suo interno con dentro uno di questi rettili. I condannati a morte venivano buttati giù e dati in pasto al coccodrillo.

Come visitare il Castello di Itri

Orari di visita

Orari e giorni di Visita

dal 16/09 al 30/05
sabato e domenica: 10:00 – 13.00 e 15:30 – 18:30

dal 01/06 al 15/09
martedì – domenica: 10:00 – 13:00 e 17:00 – 20:00

Per ulteriori informazoni
www.comune.itri.lt.it/

Prezzo del Biglietto
Per informazioni contattare il comune di Itri
Tel. +39 0771.73.21

Informazioni turistiche

Castello di Itri
Comune di Itri
Piazza Umberto I, 1
04020 Itri (LT)
Tel. +39 0771.73.21
Fax +39 0771.72.11.08

Per info e visite guidate
Sito Web: www.comune.itri.lt.it

Cosa vedere nei dintorni del Castello di Itri

Nelle vicinanze di Itri, inoltre, si trovano luoghi di grande interesse come il Santuario Madonna della Civita e il Santuario della Santissima Trinità.  Uscendo invece dal territorio comunale, meritevoli di una visita sono il caratteristico e suggestivo borgo di Sperlonga e la vicina Villa di Tiberio, Gaeta con la sua spettacolare Grotta del Turco, Formia e il Lago di San Puoto.

Verso l’entroterra, invece, consigliamo la visita al borgo più alto della provincia di Latina, ovvero Campodimele raggiungibile percorrendo la tortuosa e panoramica strada regionale 82. Questo grazioso paese, tra l’altro, ha l’insolito primato di possedere il più alto tasso di longevità d’Italia.

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb