Tempio di Diana a Nemi (RM)

Il Tempio di Diana Aricina

Importante sito archeologico vicino Nemi, nel cuore dei Colli Albani

Vicino alle sponde settentrionali del lago di Nemi e al Museo delle Navi Romane, sorge, seminascosto, il Tempio di Diana Aricina o Tempio di Diana Nemorense. Fu tra i luoghi di culto più importanti della Lega Latina dove veniva strette anche alleanze di una certo peso. Diana era la Dea della Caccia, dei boschi, delle donne e del parto e custode di fiumi e torrenti.

La Storia del Tempio di Diana

Il Tempio di Diana era molto frequentato fino alla tarda età imperiale. Con l’espandersi del cristianesimo fu progressivamente abbandonato, così da essere “vittima” di un inesorabile depauperamento delle sue bellezze artistiche. Nel corso dei secoli la vegetazione lo ricoprì quasi del tutto e, anche se oggi sono in corso lavori per il suo recupero, molto del Tempio di Diana è da riportare alla luce. Molti reperti rinvenuti sul sito archeologico sono stati portati in vari musei.

Il Tempio di Diana a Nemi (RM) | Cosa vedere e come visitarlo

La visita al Tempio di Diana

Il complesso del Tempio di Diana si estendeva su una superficie di ben 45.000 mq. Questa struttura architettonica aveva un lato di 200 metri e latro di 175. Oggi la parte più integra è rappresentata da sostruzioni triangolari a valle e da grosse nicchie a monte, in cui si presume fossero collocate delle statue. Inoltre sono visibili la piattaforma, una parte del pronao con annesso un altare e delle colonne.
Inoltre la struttura comprendeva anche degli ambienti per i sacerdoti, alloggi per accogliere i pellegrini, un teatro e sale adibite a bagni per l’idroterapia.

Come arrivare al Tempio di Diana

Il sito è raggiungibile tramite due strade, una da Nemi (7,1 km) e una da Genzano di Roma (3,1 km), entrambe collegate alla strada del lungolago. Qui nei pressi di un’azienda agricola (cartello), una strada si stacca, e dopo poco si giunge al Sito archeologico.

Come visitare il Tempio

Orari di visita

Al momento non sono possibili le visite individuali al sito archeologico. Eventuali visite guidate sono possibili solo se organizzate da enti o associazioni, previa autorizzazione da parte dell’ente gestore. Purtroppo l’area versa in stato di abbandono e i lavori per una sua valorizzazione non sono completi. In ogni caso invitiamo a contattare preventivamente l’ente gestore.

Cosa vedere nei dintorni

Il Tempio di Diana si trova nel cure del Parco Regionale dei Castelli Romani vicino al Lago di Nemi (500 m.), al borgo omonimo (7,1 km) e a Genzano di Roma (3 km), alcuni dei luoghi più celebri dei Colli Albani.
Inoltre si consiglia di visitare Rocca di Papa (11,4 km), Ariccia (10 km) e Albano Laziale (14 km). Per sfuggire alla calura estiva, un suggestivo percorso ad anello permette di ammirare il Lago Albano (12,7 km). Infine sui Colli Albani si possono percorrere alcuni itinerari sia a piedi che in mountain bike che consentono di esplorare gli angoli più belli della zona.

Informazioni turistiche

Tempio di Diana Aricina
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio
per l’area metropolitana di Roma
la provincia
di Viterbo e l’Etruria meridionale
Palazzo Patrizi Clementi
Via Cavalletti , 2
00186 Roma
Tel. +39 06.67.23.30.02 / 03
Sito Web dell’Ente

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb