Le Gole del Velino (RI)

Le Gole del Velino

Scopri uno dei luoghi più spettacolari e meno conosciuti del Lazio

Situate nel cuore del reatino tra il Gruppo del Terminillo e i Monti Giano e Cerreto a est, le Gole del Velino sono tra le zone più interessanti del Lazio. Attraversate dalla Via Salaria iniziano ad Antrodoco e terminano orientativamente nei pressi del borgo di Posta. Durante il percorso, lungo poco più di 14 km, si possono incontrare alcune interessanti testimonianze storiche, piccoli borghi, inclusi quelli citati sopra, curiosi elementi geologici e ambientali. A tutto questo fa da cornice un paesaggio maestoso e spettacolare che catturerà l’attenzione del turista.

Da Antrodoco al Masso dell’Orso

Prima di iniziare la scoperta delle Gole del Velino si consiglia di visitare Antrodoco, grazioso paese medievale a circa 25 km da Rieti. Si segue la Via Salaria, dove s’incontrerà il Fosso dei Maiori (1,5 km da Antrodoco). Si percorrono altri 1,3 km circa e si raggiunge l’antica Abbazia dei Santi Quirico e Giulitta risalente al X secolo. Abbandonata nel Seicento, fu restaurata negli anni ’90 e oggi ha la sola funzione di ospitalità. Poco prima dell’abbazia si stacca una strada che raggiunge il panoramico borgo di Micigliano posto a 925 m s.l.m.
A 7 km da Antrodoco, sulla sinistra, possiamo notare il Masso dell’Orso, una rupe che si erge quasi verticalmente sul fiume. Tagliata dai romani per un’altezza di 30 metri e per quasi 20 di lunghezza, aveva lo scopo di permettere il passaggio della Via Salaria.

Gole del Velino | Cosa vedere e come visitarle

Da Lodonero a Posta

A pochi metri dal Masso dell’Orso, troviamo i resti di un muro di sostruzione, in opera poligonale. Sempre nelle vicinanze del Masso dell’Orso, sulla sinistra, una pietra miliare dell’antica strada consolare che segna il miglio LXVIII, risalente all’epoca augustea. A 8 km da Antrodoco si trova la località Lodonero; verso est si apre la valle dell’Inferno, che sale sulle pendici del Terminillo. Dopo un altro chilometro e mezzo si attraversa il paese di Sigillo. Poco prima di Posta, sulla sinistra, appariranno le cosiddette “Vene Rosse”, un taglio nella roccia di colore rossastro lungo 180 metri ed alto 16. Una leggenda popolare le attribuisce all’azione diabolica di Cecco d’Ascoli, ma in realtà fa parte delle opere di ingegneria realizzate dai romani per il passaggio della strada. Infine arriveremo al borgo di Posta, ultima tappa delle Gole del Velino. Per visitare questo spettacolare angolo del Lazio, si può scegliere di partire da Posta e terminare la gita ad Antrodoco come tappa clou del percorso.

Informazioni Turistiche

Gole del Velino
Antrodoco, Micigliano e Posta
Provincia di Rieti

Cosa vedere vicino le Gole del Velino

I dintorni delle Gole del Velino assumono un interesse prettamente ambientale, naturalistico ed escursionistico. Ci troviamo, infatti, sulla linea di “confine” tra i Monti Reatini, in particolare del Gruppo del Monte Terminillo e il sotto gruppo del Monte GianoMonte Calvo.
Invitiamo a visitare le Terme di Cotilia (9,7 km da Antrodoco), il borgo Cittaducale (17,1 km da Antrodoco) e a circa 19 km Leonessa, nota località turistica de Reatino.

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb