Monte Cotento da Campo Staffi

Monte Cotento da Campo Staffi: Introduzione al percorso

Andata: Da Filettino – Campo Staffi per il versante nord est
Ritorno: per il versante nord, il Colle Le Liscie e Campo Ceraso

Alcuni autori riportano come cima più alta dei Monti Simbruini, il Monte Viglio, mentre altri ritengono che il più alto sia proprio il Monte Cotento, facendo rientrare il Monte Viglio nel Gruppo dei Monti Cantari posti geograficamente nel mezzo, tra i Monti Ernici e gli stessi Simbruini.

Altri autori includono il Monte Viglio tra i Monti Ernici, diventandone così la cima più alta. Insomma la diatriba è ancora aperta. Noi rientriamo tra coloro che considerano il Monte Cotento il più alto dei Monti Simbruini cosicché il punto forte della nostra escursione è proprio il raggiungimento di questa cima, senza dimenticare ovviamente la bellezza di Campo Ceraso che, soprattutto in tarda primavera appare ai nostri occhi come un immenso giardino fiorito.

Monte Cotento da Campo Staffi | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Descrizione del Percorso (Cima del Monte Cotento)

Da Filettino o Capistrello si percorre la strada che porta al Valico Serra Sant’Antonio. Dal valico, sempre in auto si giunge a Campo Staffi. Superate le prime case della località sciistica si può parcheggiare: la cima del Monte Cotento ci appare spoglia e desolata a perpendicolo alla nostra sinistra. Ci si dirige quindi per praterie verso la cima del Monte Cotento, senza percorso obbligato, aggirando alla destra un’elevazione secondaria (anticima del Monte Cotento, 1936 m). Giunti alla sella erbosa tra l’anticima e la cima vera e propria, si punta dritti alla sommità, prima tappa della nostra escursione (anche qui senza percorso obbligato 0.30 h).

Itinerario di discesa

Dalla cima del Monte Cotento si ridiscende lungo la ghiaiosa cresta nord per poi affacciarsi sui valloni che scendono ripidi verso Filettino. Raggiunta la parte più bassa della cresta (1831 m) si sale, avendo sempre ben visibili alla sinistra i valloni, sulla movimentata crestina che porta a Colle le Liscie. Si supera quindi in salita un primo cocuzzolo, si ridiscende ad un secondo, si oltrepassa una selletta e dopo pochi metri si è in cima a Colle le Liscie (1870 m, 0.30 h). Da qui il percorso cambia fisionomia. Infatti, scesi dalla cima di Colle le Liscie, il sentiero s’inoltra nella faggeta e vi rimane fino al parcheggio, alternandosi a radure e pianori alquanto suggestivi.

Così, come già accennato, si scende da Colle le Liscie e si torna indietro di qualche metro fino alla selletta. Da qui, si gira a sinistra e ci si inoltra, seguendo un sentiero poco evidente, nel fitto bosco per ridiscendere il versante nord del colle stesso. Rapidamente si giunge ad un lungo e stretto pianoro ben delimitato dai faggi. Siamo a quota 1598 e, se dopo la discesa nel bosco non incontriamo questo particolare pianoro, vuol dire che abbiamo sbagliato direzione.

Verso Campo Staffi

Se questo dovesse accadere si consiglia vivamente di tornare sui propri passi fino a trovare il tracciato. I seri problemi di orientamento in cui potremmo imbatterci incoraggiano certamente a seguire questo prezioso consiglio. Percorso quindi per l’intera lunghezza il pianoro e rientrati nel bosco, si intercetta il sentiero che scende nel Vallone Forchitto. Si volta così a sinistra, si cammina per circa 200 metri, e si va ad incontrare, questa volta, il sentiero che porta a Campo Ceraso.

Si piega quindi a destra e si percorre il sentiero che attraversa il bosco di Monna della Forcina fino al pianoro di Campo Ceraso (1545 m, 0.40 h/1.10 h). Nella parte più bassa del pianoro sorge un volubro, lo si aggira quindi sulla destra, si oltrepassa, lasciando sulla sinistra il Rifugio di Campo Ceraso. Si prosegue lungo l’evidente mulattiera che man mano, in lieve salita, lascia alle nostre spalle le zone prative rientrando nel bosco. Percorsa tutta la mulattiera ci si affaccia quasi senza accorgercene sulla conca di Campo Staffi percorsa dalla strada asfaltata che ci porterà fino al parcheggio (0.40 h/ 1.50 h).

Scheda Tecnica

Dislivello complessivo: 550
Tempo andata: 0.30 ore
Tempo ritorno: 1.50 ore
Difficoltà: E
Segnaletica: segni bianco-rossi
Luogo di partenza: raggiungibile con auto e pullman

Per maggiori informazioni acquista il libro
Lazio Sud – Le più belle Escursioni

Lazio Sud - Le più belle Escursioni - Edizioni SER - libro

Coordinate GPS

Monte Cotento
41°54’42.4″N 13°19’51.0″E

Mappa (Monte Cotento)

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb