Cerveteri

Alla scoperta del patrimonio artistico e archeologico della città di Cerveteri, con indicazioni su come arrivare e cosa vedere nei dintorni.

La cittadina di Cerveteri, distante pochissimi km dalla costa e circa 46 da Roma, è una dei centri storici del Lazio più ricchi dal punto di vista artistico e archeologico.
La presenza della famosa Necropoli della Banditaccia e di altre numerose testimonianze storiche sparse in tutto il territorio comunale, fanno di Cerveteri un centro turistico di una certa rilevanza. Inoltre si trova nella Tuscia Romana ma al confine con quella Viterbese, una zona costellata da castelli, borghi, siti archeologici, città fantasma e aree protette di grande fascino e di sicuro interesse.

Origine e Storia

In origine era chiamata “Caere” ma il suo nome moderno deriva da Caere Vetus, termine risalente al XIII secolo e fu utilizzato per distinguerla da Caere Novum (l’attuale Ceri). La prima fonte ufficiale che menziona la futura città di Cerveteri, risale al tempo della battaglia del Mar Sardo, avvenuta nel 540 a.C.
La sua storia invece ebbe inizio in epoca molto antica, e le ricerche archeologiche la farebbero risalire alla metà del IX secolo a.C. Dopo un periodo di grande sviluppo Cerveteri vide ridimensionato la sua funzione di centro agricolo. Solo con il XX secolo, poté riacquistare un ruolo di primo piano ma in ambito turistico e archeologico.

Cerveteri | Cosa vedere e Come Visitare Cerveteri
Il Castello Rupoli

Cosa vedere e come visitare Cerveteri

La Chiesa di Santa Maria Maggiore e la Chiesa di Sant’Antonio Abate

Ciò che spicca da un punto di vista storico-artistico, sono le numerose chiese sparse all’interno del centro urbano. Una delle principali e anche tra le più antiche del paese è la Chiesa di Santa Maria Maggiore, presumibilmente costruita sui resti di un tempio etrusco. Soggetta a svariati lavori di restauro e ampliamenti nel corso dei secoli, oggi possiamo ammirarlo dopo il definitivo restauro (metà del ‘900) della Soprintendenza per i Beni Architettonici del Lazio.

Di particolare suggestione è la Chiesa di sant’Antonio Abate realizzata nelle vicinanze della cinta muraria. Fu edificata intorno al 1100 con una facciata con copertura a capanna e un campanile a vela posto sulla sommità.Particolarmente affascinanti sono gli affreschi custoditi all’interno, realizzati in epoche diverse. Tra i più antichi sono quelli risalenti al XIV secolo, situati alla sinistra dell’abside e in cui sono rappresentate scene tratte dal nuovo testamento. Tra queste segnaliamo Ecce Homo, la Flagellazione, la Crocifissione e forse la Deposizione.

Le altre chiese del centro storico

Altre chiese di sicuro interesse sono la Chiesa della Madonna dei Canneti edificata intorno al 1600. Fu chiamata così per via di un miracoloso ritrovamento di un’effige della madonna tra i canneti. L’interno della chiesa è costituito da unica navata, con copertura a capriate. Procedendo verso l’abside in stile barocco, noteremo la cappella che custodisce il dipinto della Madonna. Da vedere è anche la chiesa di San Michele Arcangelo, edificata nel 1756, e dedicata al santo patrono di Cerveteri. Tutte le altre sono visitabili scoprendo le varie frazioni e piccolissimi borghi delle vicinanze come Ceri, il borgo Sasso, e la località Cerenova.

Castello Ruspoli

Una delle attrazioni turistiche di questa splendida cittadina è senza dubbio il Castello Ruspoli, posto nel cuore del centro storico della cittadina. Fu edificato nel corso del medioevo e vide l’alternarsi di numerose vicende storiche e di conseguenza anche di varie dominazioni e famiglie nobili. I Venturini dominarono Cerveteri tra il 1290 ed il 1440 che restaurano la rocca e le mura. In seguito passò agli Orsini che la cedettero ai Ruspoli nel 1674. La Rocca duecentesca, si mostra con la tipica merlatura dei castelli medievali. Fu realizzata utilizzando tufo, lava e laterizi. Spicca una torre poligonale, un’elegante torre merlata circolare e, più defilata, la torre dell’orologio.

Palazzo Ruspoli a Cerveteri (RM) | Lazio Nascosto
Palazzo Ruspoli

Il Museo Archeologico Cerite

L’interno del castello ospita l’interessante Museo Archeologico Cerite dove sono esposte opere e reperti rinvenuti durante i numerosi scavi effettuati sia nell’area urbana che nelle vicine necropoli. Un vero tesoro storico che completa la visita alla cittadina di Cerveteri nel migliore dei modi.

Il Palazzo Ruspoli

Altro edificio, tutt’oggi appartenente alla famiglia Ruspoli, è il Palazzo quattrocentesco che si affaccia su Piazza Santa Maria. Dopo varie ristrutturazioni e passaggi di proprietà è attualmente residenza delle principesse Maria Pia e Giacinta Rupoli. Inoltre ospita un hotel di charme con suite prestigiose che hanno mantenuto intatto il fascino dell’epoca e fa parte della rete delle dimore storiche del Lazio.

Cosa visitare nei dintorni di Cerveteri

Vicino alla cittadina etrusca si possono scoprire la Necropoli della Banditaccia (includendo tutte quelle sorte nei dintorni), inserita, insieme a quella di Tarquinia, tra i Siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO. Altre mete di significativo interesse archeologico e ambientale pur essendo più lontane ne consigliamo la visita. Tra queste ricordiamo il Castello di Santa Severa (13,4 km), e le affascinanti quanto spettacolari Cascate (Cascatelle di Cerveteri, Cascate dell’Ospedaletto, Cascate di Castel Giuliano). Incastonate in ambienti selvaggi ed idilliaci, sono formate dai numerosi torrenti che si snodano nell’area a nord della cittadina (5,5 km da dal centro abitato alle cascatelle + un tratto a piedi).

Informazioni turistiche

Comune di Cerveteri
Piazza Risorgimento, 1
00052 Cerveteri (RM)
Tel. +39 06.89.63.01
Sito Web del Comune

P.I.T. Punto Informazione Turistica
Piazza A. Moro, 1
Tel. +39 06.99.55.26.37
Sito Web del P.I.T.

Museo Archeologico Cerite
Informazioni sul Museo

Come Arrivare a Cerveteri

Redazione Lazio Nascosto © Riproduzione vietata | Copyright

Lazio Nascosto © 2021 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it Realizzato da SyriusWeb