Necropoli di Cerveteri o della Banditaccia

Scopri la Necropoli della Banditaccia
Cosa vedere, orari d’ingresso e prezzi del biglietto

Nei dintorni di Cerveteri si trova la necropoli più estesa di tutta l’area mediterranea: la Necropoli della Banditaccia o, come viene comunemente chiamata, Necropoli di Cerveteri. Venne denominata così in quanto, nell’ottocento, i proprietari terrieri di Cerveteri misero al “bando”, cioè affittarono questa zona alla popolazione locale.

Grazie alla sua importanza storica e archeologica la necropoli è stata inserita, insieme a quella di Tarquinia, tra i siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

L’area archeologica etrusca è posta su un’altura tufacea a nord-ovest di Cerveteri, ed è formata da migliaia di sepolture (solo una piccola parte visitabile e consta di circa 400 tumuli). Le tombe sono state realizzate entro un arco temporale che va dal periodo villanoviano, risalente al IX secolo a.C., fino al periodo etrusco, intorno al III secolo a.C.

Necropoli della Banditaccia a Cerveteri (RM) | Cosa vedere e come visitarla

La visita alla Necropoli di Cerveteri

Il primo gruppo di sepolcri lo possiamo individuare nella località Cava della Pozzolana. Del periodo villanoviano troviamo le sepolture più antiche databili tra il IX secolo a.C. e il VIII secolo a.C., e avevano una forma cosiddetta a “pozzetto”, dove venivano custodite le ceneri del defunto, oppure a “fossa” per l’inumazione.

A partire dal VII secolo a.C., durante il periodo etrusco, si sviluppano due tipi di sepolture, quelle a “tumulo” e quelle “a dado”. Una delle caratteristiche principali è la disposizione dei sepolcri lungo delle vie. Due di queste vie si possono osservare durante la visita della Necropoli di Cerveteri o della Banditaccia e sono, via dei Monti Ceriti e via dei Monti della Tolfa, risalenti al VI secolo a.C.

Visitando le sepolture, in particolare quelle a tumolo, si possono osservare come l’interno sia una ricostruzione della casa del defunto con dovizia di particolari, tanto da comprendere gli usi casalinghi degli Etruschi. Un pregevole esempio di quanto descritto si trova nella “Tomba dei Rilievi“, del IV secolo a.C. dove sono ancora presenti sulle pareti alcuni magnifici affreschi (la tomba è visitabile solo esternamente a causa della fragilità degli affreschi stessi).

Gli arredi e gli oggetti della Necropoli di Cerveteri

Nel corso del tempo gli arredi e gli oggetti presenti all’interno delle sepolture della Necropoli di Cerveteri sono stati spostati e conservati in vari musei, ma una buona parte è presente nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma, mentre solo una piccola parte si trova nel Museo Nazionale Cerite a Cerveteri. La vastità della necropoli non permette un’esaustiva e completa descrizione di tutte le 400 tombe presenti, ma è possibile visitare il sito liberamente (cioè senza seguire alcun criterio storico o cronologico). La scoperta del sito è una autentico viaggio in un lontano passato, ricco di fascino antico che rimarrà indelebile nel visitatore e nel turista appassionato di arte e archeologia.

Come visitare la Necropoli di Cerveteri

Orari d’Ingresso

La visita alla Necropoli della Banditaccia  è a pagamento e non necessita di prenotazione.

dal martedì alla domenica
ore 9:00 alle ore 17:00 (ultimo ingresso ore 16:00).

Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio e 25 dicembre

Prenotazione: nessuna

La biglietteria chiude un’ora prima dell’orario di chiusura della necropoli.

N.B. è possibile che l’ingresso al sito archeologico possa essere limitato o temporaneamente chiuso per motivi tecnici o di sicurezza. Pertanto Vi consigliamo di fare sempre riferimento alle informazioni rilasciate dall’Ente Gestore del sito archeologico.

Prezzi del Biglietto

Intero: € 6,00

Agevolato: € 2,00 (dai 18 ai 25 anni), fatte salve le agevolazioni previste dal regolamento di ingresso ai luoghi della cultura italiani, consultabili nel sito web del MiC.

Per tutte le altre informazioni consultare la pagina relativa alla necropoli sul sito del MiBACT (Direzione Regionali Musei del Lazio).

Informazioni Turistiche

Necropoli di Cerveteri
MiBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo
Direzione Regionale Musei Lazio
Via della Necropoli, 43/45
Tel. +39 06.99.40.001
Sito Web

Comune di Cerveteri
Piazza Risorgimento, 1
Tel. +39 06.89.63.01
Sito Web del Comune

Cosa vedere nei dintorni della Necropoli di Cerveteri

Per completare al meglio la gita alla Necropoli di Cerveteri, è senza dubbio consigliabile la visita alla vicina città di  Cerveteri. Se si desidera, fare una passeggiata osservando il mare è possibile raggiungere, con pochi minuti d’auto, Ladispoli e il suo bel lungomare. Nell’entroterra, invece, dirigendosi verso il Lago di Bracciano si consiglia la visita a Bracciano, un grazioso borgo impreziosito dal maestoso Castello Orsini-Odescalchi e ad Anguillara Sabazia dove si potrete allietarvi con una passeggiata sul tranquillo e suggestivo lungolago.

Da non perdere è il borgo di Ceri, piccolo centro medievale ricco di tesori architettonici. Infine consigliamo Torrimpietra, un minuscolo borgo a circa 21 km dal sito archeologico. Da vedere ci sono la torre, le sale del castello, la Chiesa di Sant’Antonio abate, la chiesa di San Pietro, la chiesa della Misericordia, la Torre del Pagliaccetto. Oggi è una splendida location per matrimoni, meeting e cerimonie.

Lazio Nascosto © 2022 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it
Realizzato da SyriusWeb