Fiuggi

Cosa vedere a Fiuggi. In tour tra le Terme e il centro storico

Rinomato centro termale italiano, è una delle città più frequentate della Ciociaria. Scopri il suo patrimonio storico, artistico e architettonico.

La città di Fiuggi, posta nella zona più occidentale della Ciociaria, in provincia di Frosinone, è uno dei centri termali più rinomati d’Italia, grazie alle sue acque dalle notevoli proprietà terapeutiche. Nel corso degli anni ha visto crescere in modo consistente la potenza ricettiva, legata quasi esclusivamente alla fonte termale. Tuttavia, negli ultimi anni si è avuta una certa inversione di tendenza con il conseguente, lento incremento di altre attività.

La struttura urbana della cittadina è divisa in due parti: il borgo antico, o Fiuggi Vecchia, adagiato su un colle a circa 750 m e Fiuggi Terme (o Fonte) più in basso a circa 550 m, dove si estendono la gran parte degli hotel, fonti termali e altre attività commerciali e turistiche. La cittadina ciociara dista da Frosinone 30,5 km, da Anagni 15,7 km e da Roma 87,5 km (79 km dal GRA).

Origine e Storia

Il primo insediamento che portò alla nascita dell’attuale centro abitato fu fondato dagli Ernici, una popolazione osco-umbra che si insediò in queste terre prima della conquista romana. Dal 367 d.C. il piccolo villaggio al tempo chiamato Anticoli (successivamente cambiato in Anticoli di Campagna), passò sotto il dominio di Roma. A causa delle invasioni saracene, dalla campagna sottostante la popolazione si trasferì sulla vicina collina, dove oggi si trova il borgo antico. Il feudo fu poi acquisito da papa Bonifacio VIII nel XIII secolo per poi entrare tra i possedimenti della famiglia Colonna dal XVI secolo fino al 1816. All’istituzione del Regno d’Italia nel 1870, fu incluso nella provincia di Roma. Dal 1911 cambiò nome in Fiuggi e dal 1927 fu annessa alla neonata provincia di Frosinone.

Fiuggi | Cosa vedere e Come Visitare Fiuggi
Il centro storico della cittadina

Il borgo antico

Nella zona più antica troviamo i monumenti di maggior interesse. Infatti l’itinerario turistico al borgo potrà includere la visita al Palazzo Falconi risalente al ‘700. All’interno dell’edificio, un pittore anonimo dedicò una sala a Napoleone, poiché si pensava che egli sarebbe passato di lì entro pochi giorni, ma ciò non accade.

Notevole è il numero di chiese, in proporzione alla grandezza del borgo antico. Tra le architetture religiose si consiglia di visitare la Collegiata di San Pietro Apostolo edificata nel 1617, la chiesa di Santo Stefano e la Chiesa di Santa Maria del Colle.

Le tre chiese si trovano nella zona più vecchia della città mentre la Chiesa Regina Pacis del 1922 e la Chiesa di Santa Teresa del Bambino Gesù sorgono nella parte bassa. Oltre a queste possiamo citare altri edifici religiosi che vale la pena ammirare e sono le chiese di S. Biagio, S. Chiara, Beata Vergine in Campanica del 1100, San Rocco e la chiesa delle Tre Cone.

L’Area Termale

La Fonte di Bonifacio VIII

Simbolo turistico dell’area termale è la famosa Fonte di Bonifacio VIII. Fu realizzata tra il 1967 e il 1969 ristrutturando quella precedente dei primi anni del ‘900 e progettata dall’architetto Garibaldi Burba. Oggi possiamo ammirare la scenografica quanto riconoscibile entrata, unica testimonianza dell’originaria struttura. La fonte è stata costruita in stile liberty ed è avvolta da un grande parco con una lussureggiate vegetazione che ne fa un luogo ideale per rilassarsi e per regalare benessere al proprio corpo.
Infatti all’interno si trovano numerose  fontanelle e una serie ben articolata di edifici per il soggiorno a cui si aggiungono altri servizi come bar, ristori, sale polifunzionali e da concerto. Durante la ristrutturazione basata su un progetto dell’architetto Luigi Moretti, è possibile usufruire delle terme anche nel periodo invernale grazie ad impianti di riscaldamento installati nelle grandi sale. La qualità delle sue acque era già nota in tempi antichi e lo fu sempre di più nel corso dei secoli, tanto che lo stesso papa Bonifacio VIII, a cui si deve il nome, venne più volte qui per curarsi dal cosiddetto “mal di pietra”.

I Palazzi del ‘900

Altri edifici sono più moderni e sono stati realizzati in stile liberty nei primi anni del ‘900. Tra i più importanti c’è il Grand-Hotel Teatro Casinò di Piazza dell’Olmo inaugurato nel 1911. Si trova a Piazza Trento e Trieste. Dopo alterne vicende che ha visto il passaggio di vari proprietari, oggi ospita il Teatro, un salone delle esposizioni e una scuola alberghiera.

Infine consigliamo una visita al Palazzo della Fonte inaugurato nel 1913 arricchito da decorazioni ed affreschi del Galimberti. E’ tra gli edifici storicamente più rilevanti dell’epoca; considerato uno dei migliori hotel d’Europa, ospitò personaggi illustri tra cui il re d’Italia.

Eventi a Fiuggi

Fiuggi Dipingimi (Luglio)

Alla scoperta dei luoghi più belli da visitare vicino a Fiuggi. Idee e proposte di viaggio per trascorre una giornata o un weekend tra arte, natura, storia e tradizioni…continua il viaggio

Cosa vedere nei dintorni di Fiuggi | Lazio Nascosto

Informazioni Turistiche

Comune di Fiuggi
Piazza Trento e Trieste
Tel. +39 0775.54.61.11
Sito Web del Comune

Pro Loco
Piazza Martiri di Nassirya snc
Tel. +39 0775.51.57.14
Pagina Facebook

Ente Parco Naturale Regionale Monti Simbruni
Via dei Prati, 5 – 00020 Jenne (RM)
Tel. +39 0774.82.72.21
Sito Web

Redazione Lazio Nascosto © Riproduzione vietata | Copyright

Lazio Nascosto © 2022 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it
Realizzato da SyriusWeb