Barbarano Romano (VT)

Barbarano Romano
Perla del Parco Naturale Marturanum 

Il borgo di Barbarano Romano è situato su un ripiano tufaceo che ha come limiti la confluenza di due brevi affluenti del torrente Biedano. Si trova all’interno del Parco Naturale Regionale Marturanum a 340 metri d’altezza, e dista 28,5 km da Viterbo e 72 km da Roma.

Le attività, intorno all’area di Barbarano Romano, sono essenzialmente agricole.  Gli appezzamenti di terreno, coltivati a frutteto, piccoli orti, vigneto e noccioleto, non sono di grandi dimensioni mentre gli animali sono allevati allo stato brado o semibrado. Tra l’altro, un tempo non molto lontano, veniva praticata anche la coltivazione della canapa.

Barbarano Romano nella storia

Si ipotizza che questo sito sia stato, in età preistorica, sede di un villaggio dell’Età del Bronzo. Nel periodo etrusco il nucleo abitativo di Marturanum si stabili in questa zona. Notizie certe del suo insediamento si hanno a partire dai tempi del Medioevo. In questo periodo è stato oggetto di contesa tra Roma e Viterbo. Nel sec. XIV divenne feudo degli Anguillara che passò poi agli Orsini e successivamente ai Borgia nel sec. XV.

Barbarano Romano (VT) | Cosa vedere e visitare

Cosa vedere a Barbarano Romano

Il centro storico

Il centro storico è caratterizzato da tre strade parallele e da una triplice cinta muraria. Tutta l’architettura medievale si esprime in tanti piccoli gioielli quali vicoli, piazzette, decorazioni sulle finestre e in modo particolare nelle tante architetture religiose e civili.

Le architetture religiose del borgo

Il patrimonio storico di Barbarano Romano si esprime egregiamente nelle chiese di origine medievale come la Chiesa del Crocifisso, realizzata probabilmente tra il XII ed il XIII secolo. Fu citata per la prima volta solo nel 1573. La sua fama e il suo nome derivano dal pregevole Crocefisso in legno, risalente al XVI secolo.

Il Complesso di Sant’Angelo è composto da una chiesa sconsacrata, edificata alla fine del XIII secolo; alcune sale della struttura ospita il Museo archeologico delle necropoli rupestri di Barbarano, ove sono custoditi rari reperti rinvenuti all’interno delle necropoli.

Merita una breve visita anche la chiesa di Santa Maria del Piano, costruita nel XIII secolo dove sono stati riportati alla luce preziosi affreschi.

La visita tra le architetture religiose di Barbarano Romano si può concludere con la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta. Fonti storiche la citano come esistente già sul finire dell’XI secolo. Custodisce alcune pregevoli opere d’arte; in particolare segnaliamo un affresco della Madonna che allatta Gesù con i Santi Giovanni e Antonio abate, realizzato nel XIV secolo.

La Cinta Muraria

Il borgo nel corso dei secoli è stato circondato da due cinta murarie. Pochi resti rimangono della più antica mentre quella più recente mostra alcune significative porzioni. Gli elementi più rilevanti sono costituiti dal torrione di Porta Romana, su cui è stato inserito un orologio nel 1863.

Le Feste Tradizionali

Numerose sono le tradizioni locali, la gran parte a sfondo religioso, tra le quali la festa di S. Antonio Abate – protettore degli animali (17 gennaio) – il Corpus Domini, a seguire il 6 settembre con la festa della Natività di Maria. Festa che di solito dura sei giorni con concerti, gare sportive e spettacoli. Il 10 settembre si festeggia S. Nicola da Tolentino e il 4 dicembre Santa Barbara, patrona della cittadina. I festeggiamenti in suo onore vanno dall’esibizione della banda musicale, la processione con la reliquia della santa, fuochi d’artificio e gare di poeti “a braccio”.
Una festa molto popolare e particolare nel suo genere è l’Attozzata che si svolge la prima domenica di maggio in località Caiolo nei pressi della necropoli etrusca. Qui alcuni pastori producono la ricotta in vecchi recipienti chiamati “callare” poste su fuoco vivo. Questa squisita ricotta viene poi servita ai turisti e ai locali su “tozzi” di pane di grano duro.

Cosa visitare nei dintorni di Barbarano Romano

Nelle vicinanze di Barbarano Romano si estende, per ben 1240 ettari, il Parco Regionale Marturanum tra i Monti della Tolfa e i Monti Cimini. È attraversato dal Fosso del Biedano e il Torrente Vesca. In poco tempo si possono raggiungere importanti aree archeologiche etrusche. La più vicina è la famosa Necropoli Rupestre di San Giuliano (circa 3 km). A circa 10 km si estende la Necropoli etrusca di San Giovenale.

Tra i borghi più belli da vedere segnaliamo Blera (6,1 km) e Vejano (5,5 km). Più distanti da Barbarano Romano ma di grande interesse storico sono i magnifici borghi di Ronciglione (20 km), Sutri (19 km) e Vetralla (15,7 km).

Informazioni turistiche

Comune di Barbarano Romano
Piazza Guglielmo Marconi, 21
01010 Barbarano Romano (VT)
Sito Web del comune

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb