Tomba della Regina a Tuscania (VT)

Ara della Regina
Uno dei luoghi più misteriosi e arcani della Tuscia

Tuscania è nota, come per altre cittadine della Tuscia Viterbese e Romana, per le numerose Necropoli tra cui quella di Peschiera, Pian di Mola, Castelluccio, Ara del Tufo, Scalette, Carcarello e Sasso Pizzuto, e molte altre. Un vero tesoro archeologico di immenso valore a cui si aggiunge la più pregevole, ossia la Necropoli della Madonna dell’Olivo. La Grotta della Regina è situata presso la chiesa della Madonna dell’Olivo, nella valletta tufacea sottostante a Tuscania.

Grotta della Regina: Origine del nome

Il nome di questa grotta è legata ad una leggenda narrata dall’archeologo Secondiano Campanari secondo cui al momento della scoperta, su una parete della tomba, comparve per pochi istanti l’immagine di una fanciulla, probabilmente una giovane regina. La Grotta della Regina, risalente all’epoca ellenistica, ha una complessa planimetria. Questo ne fa una delle tombe più interessanti e misteriose di quell’epoca.

Visita alla Tomba della Regina

La Grotta della Regina fu scoperta da Secondiano Campanari ed è inserita in sistema complesso formato da sepolture di differenti dimensioni, risalenti soprattutto all’età ellenistica (IV-I sec. a. C.).

L’ipogeo è costituito da un lungo e ripido dromos (corridoio di accesso) che permette l’ingresso ad una camera sepolcrale, dove all’interno due colonne sorreggono una volta. Tutto ciò che era presente nella grotta, dai suppellettili ai sarcofagi, sono andati persi, ma rimane il grande fascino costituito dalla presenza di una rete di cunicoli, che si dipartono in varie direzioni, il cui uso e significato è ancora avvolto nel mistero. La particolare conformazione di questa grotta, molto diversa dalle altre, potrebbe far supporre che in realtà sia stata utilizzata come luogo di culto. Molti cunicoli sono ancora da esplorare ma spesso sono interrotti o distrutti. Ciò fa presupporre che la Grotta della Regina abbia molti più cunicoli e che possano esserci altre stanze non ancora raggiunte dagli scavi.

Studi storici e archeologici propendono ad attribuire il sepolcro alla leggendaria e potentissima regina etrusca Hosa e della sua famiglia. Una tomba, questa, che probabilmente doveva avere anche la funzione di tempio, in cui venivano celebrati misteriosi riti sacri non del tutto chiari, e che proprio le oscure gallerie avrebbero dovuto difendere da eventuali profanatori. È possibile, dunque, che perlustrando accuratamente le gallerie, si possano incontrare i resti di qualche indesiderato visitatore.

Come visitare la Tomba della Regina

Orari di visita

La visita alla Tomba della Regina varia da stagione a stagione ed è regolata dai seguenti orari:

da marzo-ottobre: mattina 10:30, pomeriggio 16:30
da novembre-febbraio: martedì-giovedì mattina 10:30, venerdì-domenica mattina 10:30, pomeriggio 15:00.

N.B. Gli orari possono cambiare anche in breve tempo. Pertanto si consiglia SEMPRE di contattare preventivamente l’ufficio turistico di Tuscania per ulteriori informazioni.

Informazioni turistiche

Tomba della Regina
Comune di Tuscania
Ufficio Turistico

Tel. +39 0761.44.54.259 | +39 348.95.13.512
Sito Web Comune – Ufficio Turistico

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb