La Serra da Fiamignano (Piagge)

La Serra da Fiamignano: Introduzione al percorso

Andata: Da Fiamignano – Piagge, per l’Orneta, le pendici nord-est di Colle dei Frati e la cresta nord-ovest.
Ritorno: Stesso itinerario

Stare sulla cima de La Serra dà la sensazione di trovarsi su un monte ben più alto dei suoi 1607 metri poichè da là si domina un panorama d’eccezione: da una parte il “Cicolano” con al centro il Lago del Salto, a nord il sottogruppo del Nuria-Nurietta e più lontano i Monti Reatini, a sud-est le Montagne della Duchessa e oltre il gruppo del Velino.

È interessante come d’inverno, stando sulla cresta, mentre a sinistra – versante freddo – c’è una bella coltre di neve, a destra – il versante più caldo – è quasi privo di neve, così bianco a sinistra color paglia a destra. Non di rado, quando è stagione, si possono vedere le coturnici levarsi in volo rasenti alla cresta.

La Serra da Fiamignano | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Descrizione del Percorso

Sull’autostrada A24 uscire a “Valle del Salto” e prendere la Statale 578 “Cicolana” per Rieti. Allo svincolo per “Pagliara”, uscire e percorrere 2,2 km, al bivio prendere in direzione di “Rieti” e percorrere 1,4 km. Al bivio successivo girare a destra per “Piagge”, percorrere ancora 900 metri e girare a sinistra per una stradina che in 1,1 chilometri porterà a una piazzola dove si può parcheggiare. Il percorso inizia con l’evidente sterrata (indicazioni per “Grotta di Santa Filippa” – Filippo su IGM). Dopo pochi minuti di cammino, si incontra la fonte “Fonticelle”, si prosegue sempre sulla sterrata che dopo poco diventa sentiero.

Per  un tratto si notano in alto a destra spuntoni di roccia bianca e in seguito ci si inoltra in un bel querceto che aggira le coste dell’Orneta. Si piega a destra per un largo intaglio e si supera un cancello a staccionata. All’uscita dal bosco si prende un evidente sentierino a sinistra lasciando sulla destra una conca prativa ed eventuali tracce lasciate dal bestiame. Si prosegue a sinistra di una piccola elevazione e da questo punto il sentiero è piuttosto articolato. Continua con varie svolte entrando e uscendo da piccole macchie di ginepri o tratti di faggeta ma sempre ben visibile.

Verso la Cima de La Serra

Da ultimo si entra in una zona prativa in vista della cresta de La Serra (voltandosi si vede in lontananza lo sperone roccioso sulle cui pendici si apre la Grotta di S. Filippa) (1223 m, 0.40 h). Procedendo sempre in direzione nord-est si passa tra due piccole elevazioni  e tenendosi sulle pendici di quella a destra, si piega in direzione est, giungendo ad un pianoro. Il tracciato prosegue fino a che non si nota sulla destra un capannone per il bestiame. Successivamente si percorre un sentiero leggermente in discesa fino ad arrivare ad un fossato. Si attraverserà e subito si girerà a sinistra per fiancheggiarlo.

Quando si è fuori dal bosco si entra in un ampio e lungo pianoro dove si volta a sinistra aggirando il colle Macchia dei Frati (Colle de Frati su IGM). Poi, dirigendosi verso destra, si costeggia un rimboschimento. Al termine di questo si percorre un centinaio di metri e, quando il pianoro comincia a scendere, sulla destra si vede un pendio erboso libero da faggi e ginepri (1350 m, 0.40 h. / 1.20 h). Il percorso continua a salire senza via obbligata, in breve si guadagna la larga cresta. La si percorrerà con numerosi saliscendi fino alla cima del monte (m 1607 m, 0.50 h / 2.10 h).

Scheda Tecnica

Dislivello complessivo: 650
Tempo andata: 2.10 ore
Tempo ritorno: 1.40 ore
Difficoltà: E
Segnaletica: inesistente
Luogo di partenza: raggiungibile solo con auto

Per maggiori informazioni acquista il libro
Lazio Sud – Le più belle Escursioni

Lazio Nord - Le più belle escursioni - Edizioni SER - libro

Coordinate GPS

La Serra
42°16’35.2″N 13°07’52.8″E

Mappa (Cima de la Serra)

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb