Castello Sforza Cesarini a Rocca Sinibalda (RI)

Cosa vedere e come visitare il Castello Sforza Cesarini a Rocca Sinibalda

Il Castello di Rocca Sinibalda o Castello Sforza Cesarini, è un possente e maestoso castello che si erge compatto sulle sottostanti case del borgo omonimo, al confine tra la Sabina e il Cicolano. E’ una delle fortezze più grandi e affascinanti del Lazio, grazie anche al recente restauro (2014) che lo ha riportato al suo antico splendore.

Dietro la sua bellezza si nasconde, però, una storia fatta di ombre, misteriosi vuoti sulle sue vicende, e scarse informazioni sugli autori e sui proprietari. Un confuso intreccio che si è protratto sin ai nostri giorni.

Il Castello di Rocca Sinibada nella storia

Ciò rende la visita al Castello di Rocca Sinibalda ancor più suggestiva e ricca di fascino. Tra le poche notizie certe c’è quella sulla sua fondazione ossia nel 1080. Inizialmente fu eretto per scopi puramente militari che si modificarono nel corso del tempo. Il suo nome deriva da Sinibaldo, conte e rettore della Sabina tra il 1058 e il 1065. Da qui in poi alterne vicende, passaggi di proprietà (monaci benedettini di Farfa, famiglie Buzzi e i Brancaleone di Romancia, Cesarini, i Mattei, i Lante della Rovere, i Muti-Bussi, i Lepri) ed episodi drammatici, come dilapidazioni, incendi, abbandoni e saccheggi non hanno permesso una ricostruzione storica chiara e lineare del Castello.

Castello Sforza – Cesarini a Rocca Sinibalda (RI) | Cosa vedere e come visitarlo

La visita al castello

La Corte Grande e il Piano Nobile

La visita al Castello di Rocca Sinibalda è permessa solo in alcune parti (le visite private includono anche zone interdette). La scoperta della maestosa fortezza inizia dall’ingresso principale che conduce all’interno della Corte grande, l’ampio spazio merlato al quale si arriva attraversando una stretta galleria.

Man mano che ci addentreremo nel castello saremo catturati dalla sua bellezza e dal suo fascino. Dalla corte grande passando da un ampio scalone, si entra nel Piano nobile del palazzo signorile. Dopo il passaggio si entra nella Sala Grande, dove son presenti affreschi del ‘700 e le Tre Parche di Marcos Cei a guardia del Castello.

Il Cannocchiale e le Collezioni

Cuore della Fortezza è il cosiddetto Cannocchiale (visitabile parzialmente) che tocca varie sale come la Biblioteca, la Sala dello Sciamano, la Sala del Criminale, la Sala del Giardino incantato, la Sala della Musica, fino al grande Salone del Totem bianco. Il Cannocchiale è in realtà una “prospettiva” che tocca le suddette Sale fino a terminare sulla terrazza della Coda nord. La vista dal basso, permette di ammirare questa parte del Castello in tutta la sua bellezza e il suo straordinario impatto scenico.

All’interno di ogni sala sono conservate “Le Collezioni”: maschere rituali del Nord Ovest americano, totem indiani (uno di 9 metri), maschere e oggetti tribali africani, la Collezione Padiglione di maschere, le sculture di Agapito Miniucchi, la street art.

Gli Affreschi, le Grottesche, le Cantine e il Teatro

In ogni Sala, gli Affreschi rinascimentali e le Grottesche sono ispirate alle Metamorfosi di Ovidio. Per questo motivo Rocca Sinibalda viene definita anche Castello delle Metamorfosi. Il Cannocchiale viene identificato come un percorso di trasformazioni possibili.

Le Cantine era uno spazio dove in passato dormivano insieme cavalli e soldati. Oggi viene utilizzato per ospitare installazioni e performance artistiche. Al termine dei suoi 80 metri di lunghezza sorge un piccolo Teatro appoggiato alla cisterna sotterranea della Corte Grande. Essa riforniva di acqua piovana l’esercito durante gli assedi.

Come visitare il Castello di Rocca Sinibalda

Le uniche parti visitabili del Castello sono: l’ingresso, Corte Grande, i Camminamenti, il Piano Nobile, la biblioteca, la Sala dello Sciamano, gli Affreschi rinascimentali, le Grottesche, le cantine, il Teatro e le Collezioni. Per le parti restanti occorre prenotare delle visite private.

Visitabile sempre su prenotazione per gruppi di almeno 15 visitatori pagantiAperto ai visitatori individuali il sabato alle 16h e la domenica alle 11h. Anche per questi visitatori è prevista la prenotazione.

Il Castello rimane chiuso il 25 e 26 dicembre, il 1 gennaio, il giorno di Pasqua, e per eventuali eventi speciali comunicati sul sito.

Informazioni e prenotazioni

Tel.: +39 06.44.23.36.34
Email: info@castelloroccasinibalda.it

Le visite avvengono esclusivamente con una guida professionale.
Prenotazioni on line QUI o al +39 06 44233634.
Durata della visita: 1.30 -2.00 ore.

Prezzi del Biglietto

Intero: 14,00 €
Gruppi: 12,00 € (gruppi organizzati di 15+ partecipanti: agenzie, tour operator, università, università Terza Età, associazioni, ecc…)
Ridotto: 8,00  € ( 7-14 anni)
Gratuito: bambini fino a 6 anni

N.B. gli orari di apertura del castello potrebbero subire delle variazioni. Pertanto vi consigliamo di fare sempre riferimento alle informazioni rilasciate sul sito ufficiale del Castello di Rocca Sinibalda. 

Informazioni turistiche

Castello Sforza Cesarini di Rocca Sinibalda
Tel.: +39 06 44233634
E-mail: info@castelloroccasinibalda.it
Sito Web: www.castelloroccasinibalda.it

Cosa vedere nei dintorni del Castello

I dintorni del Castello di Rocca Sinibalda, oltre allo stesso borgo omonimo offrono al turista la possibilità di visitare località di una certa valenza storica, architettonica e naturalistica come ad esempio il borgo di Castel di Tora e la città perduta e il Casello di Antuni.
Entrambe le località si affacciano sul suggestivo Lago del Turano. Da vedere è tutta la Riserva Naturale del Monte Navegna e del Monte Cervia, un’area protetta di sicuro interesse ambientale.

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb