Rocca Massima

Cosa vedere a Rocca Massima, uno dei borghi più alti dei Monti Lepini, famoso per la Sagra dei Marroni che si svolge ogni anno in autunno

Rocca Massima, borgo situato a 735 metri d’altezza sulle ultime propaggini nord – occidentali dei Monti Lepini, è tra i comuni più alti del gruppo montuoso e tra i più antichi. Negli ultimi anni ha assistito a un recupero del centro storico che pur non avendo monumenti di grande richiamo permette di compiere piacevoli passeggiate tra le antiche piazzette, case medievali, palazzi e vicoli tipici di un paese montano. Questo piccolo ma grazioso borgo dista 32 km circa da Latina, 36 da Aprilia, 18 da Cisterna di Latina, 21 da Velletri e 70 km da Roma.

Origini e Storia di Rocca Massima

Le origini di Rocca Massima sembrerebbero risalire all’epoca romana così come citato da Tito Livio che in uno dei suoi scritti identifica il primo insediamento con l’antica Arx Carventana. Quest’ultima era rappresentata da una roccaforte romana. Seppur non è certo si tratti del nucleo originario del borgo rocchigiano alcune testimonianze di epoca romana, come mura poligonali e reperti archeologici, sono stati riportate alla luce in alcune località limitrofe. Documenti storici fanno risalire la costruzione della rocca nell’anno in cui fu contesa a Pietro Annibaldi. La stessa fu edifica sul Monte Massimo da cui deriva il nome del borgo.

Rocca Massima | Cosa vedere nel borgo | Lazio Nascosto
Rocca Massima

Dal XVI secolo in poi il paese lepino fu oggetto di numerose contese e passaggi di proprietà. In questo periodo passò ad Andrea Conti e successivamente agli eredi legittimi finché alla fine del secolo la nobile famiglia decadde e subentrarono i Salviati che governarono il borgo fino al XVIII secolo incluso. In seguito ci furono i Borghese e, dal 1808, passò ai Doria Pamphjli. Nel corso dei decenni il borgo di Rocca Massima fu inserito nel Cantone di Cori, poi nel 1832 fu incluso nella provincia di Velletri fondata da Gregorio XVI e infine dal 1932 fu annessa definitivamente alla provincia di Latina, all’epoca chiamata Littoria.

Scopri cosa vedere nel centro storico

I monumenti più insigni del paese si integrano perfettamente nel tessuto urbano in buona parte rinnovato. Così abbiamo, sulla parte più alta, il palazzo voluto da Annibaldi, edificato nel XIII, ma oggi ci appare diverso dalla struttura originale. Durante i secoli fu modificato e ristrutturato e presenta una facciata realizzata con la tecnica dei piccoli parallelepipedi uniti con malta. Gli ambienti interni possedevano tutti i servizi tipici di un palazzo mentre oggi è stato venduto a privati per ricavarne abitazioni.

Altro piccolo gioiello è la Chiesa medievale di San Michele Arcangelo, il cui impianto originale risale al XIII secolo. Ciò che vediamo oggi è frutto di una ricostruzione del XV secolo. L’interno a una navata è uno scrigno di opere d’arte con dipinti di Santi Barbara, Biagio, Lucia e Sebastiano. Spicca una pala raffigurante San Michele Arcangelo a sovrastare l’altare maggiore. Si tratta in realtà di una copia realizzata nel 1869 di un’opera di Guido Reni. Inoltre troviamo anche una tela del Mariani e una che raffigura il Sacro Cuore di Gesù del XX secolo.

Poco lontano dal centro storico possiamo scoprire due piccole chiesette: una è la Chiesa del Carmine edificata nel XVII secolo e la Chiesa di S. Rocco del 1505. Entrambe presentano una sola navata e un solo altare.

Cosa fare nel borgo

Nelle vicinanze del borgo inizia un sentiero escursionistico che raggiunge il Monte Lupone, una delle vette più note dei Monti Lepini. Dalla cima si può godere una panorama a 360° che va dalle Isole Pontine, a quasi tutto l’Appennino laziale, la Pianura Pontina, i Colli Albani e il promontorio del Circeo. Solitario e a tratti selvaggio il Monte Lupone è un’ottima meta da raggiungere in tutti i periodi dell’anno (sconsigliato, però, nelle giornate più calde).

Infine Rocca Massima è famosa anche per i suoi gustosi marroni a cui viene dedicata una sagra annuale. Un weekend nel borgo permetterà di gustare la natura circostante, vivere le tradizioni locali e ammirare il fascino antico del paese.

Cosa visitare nei dintorni di Rocca Massima

Alla scoperta dei luoghi più belli da visitare vicino a Rocca Massima. Idee e proposte di viaggio per trascorre una giornata o un weekend tra arte, natura, storia e tradizioni…continua il viaggio

Catello Caetani a Sermoneta | Castelli del Lazio
Dove Mangiare
Ristoranti, Trattorie e Pizzerie 
Ristoranti, Trattorie e Pizzerie nel Lazio | Dove Mangiare nel Lazio
Hotel, B&B, Appartamenti, Case Vacanza e Agriturismi nel Lazio

Informazioni turistiche

Comune di Rocca Massima
Via del Municipio, 47 – 04010 (LT)
Tel . +39 06.96.69.001
Sito Web del comune

Lazio Nascosto © 2022 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it
Realizzato da SyriusWeb