Monte Cava da Corvaro

Monte Cava da Corvaro: Introduzione al percorso

Andata: Da Borgorose – Corvaro, per la Valle Amara, Prati di Cerasolo e il Monte San Rocco
Ritorno: per il Monte Rotondo, Vado Femmina Morta, Prata Andrea e Fonte dei Copelli

Questo itinerario racchiude una serie di caratteristiche. Per un motivo o per un altro la cima del Monte Cava non si vede mai se non quando si è giunti alla cima di Monte San Rocco. Per un buon tratto la Valle Amara è incassata tra alte pareti rocciose e ai Prati si incontrano faggi secolari.

Tra la Fonte dei Copelli e il borgo di Corvaro si possono ammirare castagni giganteschi tra i quali alcuni possono raggiungere i trenta metri d’altezza. Il sentiero che termina sul Monte Cava è impegnativo ma è un percorso ricco di scorci, di panorami e di bellezze naturalistiche tutta da gustare ed è uno tra i più vari che si possono effettuare sulla Montagne della Duchessa.

Descrizione del Percorso

Percorrendo la A24 Roma-Teramo, usciti al casello “Valle del Salto”, si incontra un crocevia ove si gira a destra in direzione di Corvaro. Giunti al centro del paese, subito dopo una curva a sinistra, lasciare l’auto nel parcheggio antistante la chiesa parrocchiale. Si torna indietro lungo la strada appena percorsa per circa 400 metri fino ad incontrare sulla sinistra Via dello Sport e poi Via di Valle Amara che, dopo un breve tratto costeggia il cimitero (839 m). Chi proviene da Rieti, invece, dovrà percorre la statale 578 fino allo svincolo Borgorose-Corvaro; raggiunto il centro di Corvaro, parcheggiare l’auto nel piazzale antistante la chiesa parrochiale. Prendere la strada che porta verso la A24.

Appena usciti dal paese, dopo circa 400 metri, si stacca sulla sinistra Via dello Sport. Superato il cimitero si prosegue lungo la strada asfaltata che, dopo circa tre chilometri, passa sotto la galleria dell’autostrada e subito dopo termina in una piazzola con una fonte. Qui si trova l’imbocco della Valle Amara. Senza possibilità di errore si percorre la strada sterrata che risale dolcemente tutta la valle. Superato il primo tratto, stretto da ripide pareti e aspri speroni rocciosi, si giunge alla cappelletta de “La Madonnella” (1100 m, 1.00 h). Da qui la valle inizia a farsi leggermente più larga. La sterrata compie due doppi tornanti; uno a quota 1220 m ove la prima curva attraversa il torrente e un altro a quota 1400 m circa.

Monte Cava da Corvaro | Escursioni, Sentieri e Trekking nel Lazio

Verso il Monte Cava

Sulla seconda curva di questo si lascia sulla destra la carrareccia che porta a Fonte la Vena per dirigersi verso sinistra al Prato San Rocco [Prati di Cerasolo su IGM]. Da qui la stradina si porta in piano e dopo qualche minuto si giunge a una curva a gomito (1445 m, 0.50 h / 1.50 h). Proseguendo nella stessa direzione ci si inoltra nella Valle dell’Asina (Asino su IGM) mentre girando a sinistra si continua a percorrere la sterrata che in breve arriva ai Prati di Cerasolo. Là dove il terreno diventa pianeggiante, si abbandona la sterrata e si volta bruscamente verso sinistra seguendo l’ampio crinale in direzione NO.

Lo si percorre tenendosi sempre sulla massima elevazione fino ad uscire definitivamente dal bosco (1600 m, 0.30 h / 2.20 h). Si prosegue in direzione di una prima elevazione (1830 m) e, seguendo sempre la cresta, si arriva in breve alla cima del Monte San Rocco (1880 m, 0.50 h / 3.10 h). Ridiscesi dal Monte San Rocco, si prosegue ancora lungo il crinale portandosi alla base di una grande spalla sassosa. Risalita la spalla (Coppo Comune, 1936 m) ci si tiene poco a sinistra del filo di cresta superando alcune rocce oltre le quali troviamo lo strapiombante versante NE del Monte Cava. Superato così il tratto più infido di tutto l’itinerario basteranno ancora pochi metri per raggiungere la poco appariscente ma sicuramente panoramica cima del Monte Cava (2000 m, 0.40 h / 3.50 h).

Itinerario di Diascesa

Dalla cima si continua lungo cresta in direzione NO e si raggiunge in breve la cima del Monte Rotondo (1993 m). Proseguendo ancora si scende a raggiungere l’ampia sella denominata Vao Femmina Morta (1810 m). Dalla sella, si gira ora a sinistra, e si scende lungo un sentiero che, obliquando a mezza costa, si tiene ai margini della faggeta di Prata Andrea e raggiunge la Fonte dei Copelli. Da qui l’itinerario diventa un po’ complicato con diversi cambi di direzione fino all’abitato di Corvaro.

Lasciata quindi la fonte, dopo pochi minuti si entra nel bosco. Al’altezza di una curva a destra, si imbocca un sentiero a sinistra che dopo un centinaio di metri si immette su una larga mulattiera. Dopo qualche minuto si entra in un bel castagneto e la mulattiera diventa un sentiero che di frequente risulta molto fangoso. Percorsi così una cinquantina di metri il sentiero incontra una piccola sterrata. Si gira a destra e dopo qualche minuto si incontra una sterrata più grande.

Si prende questa verso sinistra e, quando questa esce dal bosco e curva a sinistra, la si abbandona per seguire un sentiero che si stacca, sempre sulla sinistra. La traccia si snoda tra zone a taglio, bosco misto e caratteristici affioramenti rocciosi. Scendendo si dovrà seguire sempre la traccia di sentiero più marcata tralasciando sia a destra che a sinistra altri piccoli sentieri. Giunti alle porte del paese s’incontra un bivio con un sentiero che volta verso destra. Questo, a differenza degli altri bivi, può trarre in inganno.

Si dovrà invece percorrere il sentiero di sinistra che in breve giunge alle prime case di Corvaro, vecchie e malandate, che si trovano nella parte alta dell’abitato. Arrivati ad una piazzetta dove sorge la “Fonte Vecchia”, si prosegue nella stessa direzione, superando la Piazza Regina Margherita. Ci si immette, dopo qualche metro, sulla carrozzabile in corrispondenza di una netta curva. Si percorre quindi la carrozzabile verso destra e dopo pochi metri è già riconoscibile la piazzetta della chiesa e il monumento ai caduti dov’è il parcheggio.

Scheda Tecnica

Dislivello complessivo: 1200
Tempo andata: 3.50 ore
Tempo ritorno: 3.00 ore
Difficoltà: EE
Segnaletica: segni bianco-rossi [da Fonte dei Copelli a Corvaro, quasi inesistente]
Luogo di partenza: raggiungibile con auto e pullman

Per maggiori informazioni acquista il libro
Lazio Sud – Le più belle Escursioni

Lazio Nord - Le più belle escursioni - Edizioni SER - libro

Coordinate GPRS

Monte Cava
42°13’56.4″N 13°17’33.9″E

Mappa (Monte Cava)

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb