Terracina (LT)

Cosa visitare e cosa vedere a Terracina

Terracina è una delle località balneari più conosciute del litorale laziale e anche quella con i maggior numero di monumenti di interesse storico e archeologico. Durante il periodo estivo è molto frequentata  grazie alle sua lunghe e attrezzate spiagge che consentono di poter trascorre una vacanza in tutto relax.

In virtù sia del suo patrimonio architettonico (e quello delle località limitrofe) che alle aree protette Terracina permette di soddisfare le esigenze di ogni turista. Soprattutto per coloro che, non solo desiderano trascorre giornate al mare, ma anche per tutti gli appassionati di natura e arte.

Terracina | Cosa visitare | Lazio Nascosto

Il centro storico

Terracina ha una struttura urbana su due livelli. Una parte bassa il cui sviluppo ha avuto inizio in epoca romana ed è proseguita fino al XX e XXI secolo, e una parte alta dove si riscontrano testimonianze più antiche. Queste risalgono al tempo della dominazione romana fino al periodo medievale.

L’amplissima e scenografica Piazza del Municipio offre spunti curiosi. Essa ricalca esattamente l’area dell’antico Foro Emiliano, di cui conserva quasi intatta la pavimentazione a grandi lastre, nonché un tratto della Via Appia che lo bordava: qua e là, sulle grandi pietre, sono ben visibili numerose incisioni, quali, ad esempio, lettere romane, figure geometriche e strani disegni corrosi dal tempo.

Visitando Terracina Alta troviamo gli elementi artistici e architettonici più belli e importanti. Tra questi spicca il Foro Emiliano, cuore dell’antico nucleo urbano dove ancora oggi sono visibile strutture dell’epoca. Possiamo osservare, infatti, la pavimentazione della piazza risalente al I secolo a.C. e i resti del tempio in stile tuscanico chiamato “Capitolium Romano”.
Una menzione merita la Chiesa del Purgatorio, situata nei pressi della Porta Maggio. Si tratta di una bizzarra costruzione di gusto barocco-spagnolesco, che sorge – un po’ in disparte – in cima ad una scalinata ed è caratterizzata, sia nella facciata sia nell’interno, da immagini funeree e grottesche, tipiche del periodo controriformista.

Il Duomo e il Castello dei Frangipane

Antichissima è la Cattedrale di San Cesareo meglio conosciuta come Duomo di Terracina. Risalente tra il V e il VI secolo si ampliò nel corso dei secoli (XI e XIII secolo) e subì vari restauri e modifiche. Tra queste, la riduzione dalle 5  navate originali alle 3 attuali e il soffitto ricostruito nel ‘700. 

Tra gli edifici civili e militari della parte alta di Terracina spiccano i resti di quello che era il possente Castello di Frangipane. Questo era posto (e lo è tuttora) a guardia della città per il controllo delle coste. Continuando la visita tra le vie del borgo antico possiamo ammirare il Palazzo Vescovile risalente all’epoca carolingia, il trecentesco Palazzo Venditti e la Torre Frumentaria o Torre dei Rosa. Infine il Palazzo Braschi, che fu anche sede papale, costruito per volere del nipote del papa Pio VI tra il 1787 e il 1795.

Cosa visitare nei dintorni di Terracina

Icona amata dagli artisti del Grand Tour, il Tempio di Giove è il vero simbolo di Terracina. Da sempre, attrae irrefrenabilmente i viaggiatori che si rechino in questa parte d’Italia. Situato sulla vetta del Monte Sant’Angelo in posizione spettacolare, con meravigliosi panorami sulla Riviera di Ulisse, sul Circeo e sulle Isole Pontine, è caratterizzato da cunicoli e arcate, che costituivano il basamento e i sotterranei dell’edificio.

“Paesaggi fantastici”, questi, che si ripetono spesso nella zona: se verso Nord, sempre affacciate a mare, spiccano, imponenti, le cosiddette “Torri di Monte Leano”, più all’interno, a pochi chilometri dal centro di Terracina, si trova la località di Camposoriano. Segnata dal carsismo e dalla remota presenza di un lago glaciale, è un’aspra valle a forma di “u” (dichiarata recentemente “Monumento Naturale”), ove sorgono numerosi affioramenti rocciosi (“polje”), tra cui spicca la cosiddetta “Cattedrale” (o “Rava di San Domenico”), un pittoresco scoglio calcareo (“hum”) simile ad un iceberg a due punte, alto circa 15 metri: tutt’attorno, gli inghiottitoi, le doline, le rocce bizzarre, il volo dei rapaci, il silenzio e la solitudine rendono l’escursione indimenticabile.

Nei dintorni di Terracina si possono visitare località di grande importanza storica e turistica come San Felice Circeo e il piccolo e splendido borgo di Sperlonga con la vicinissima Villa di Tiberio, Questo, percorrendo semplicemente la litoranea verso sud. Spingendoci verso l’entroterra, invece, nei pressi di Priverno, troviamo la stupenda Abbazia di Fossanova.

In ultimo consigliamo la visita al Monastero di San Magno, nei pressi di Fondi (meritevole anche questa di una visita) restaurato e riaperto al pubblico qualche anno fa.

Informazioni turistiche

Comune di Terracina
Piazza Municipio, 1
Tel. +39 0773.70.71
Sito Web del Comune

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb