Bracciano

Cosa vedere a Bracciano

Antico borgo medievale a solo un’ora da Roma, è conosciuto per il Castello Odescalchi e il grande lago vulcanico

Il centro storico di Bracciano è uno dei borghi più rinomati e frequentati del Lazio. La bellezza del luogo dovuta sia alla presenza del possente Castello Orsini-Odescalchi che dal vicino lago, offrono al visitatore un ampio ventaglio di itinerari turistici. Itinerari, che gli permetteranno di scoprire una delle zone più suggestive della regione anche se fin troppo minacciata da speculazioni edilizie.

Le origini di Bracciano sono ancora avvolte nel mistero. Tuttavia, sappiamo che il primo insediamento urbano risalirebbe al X secolo. A partire dalla fine del IX secolo i saraceni cominciarono a invadere il territorio. I grandi proprietari terrieri costruirono fortificazioni e castelli e molti contadini si videro costretti a lasciare le campagne per rifugiarsi all’interno delle aree fortificate. Così nacquero i primi “castrum” della zona.

Bracciano | Cosa vedere e visitare
Bracciano con il Castello Orsini

Visita il borgo di Bracciano

Il Duomo di Santo Stefano e la Chiesa di Santa Maria Novella

Tra gli edifici religiosi che compongo il patrimonio artistico e architettonico di Bracciano possiamo segnalare il Duomo di Santo Stefano, edificato presumibilmente intorno al 1200. Subì ampliamenti e modifiche intorno alla metà del XVI secolo e nei primi anni del XVII secolo venne decisa una sua radicale ristrutturazione in stile seicentesca che le ha conferito l’aspetto attuale.
Ora si presenta con una facciata barocca e un interno a tre navate in cui sono presenti un altare, un ciborio, un reliquiario e un fonte battesimale. Inoltre è presente un museo dove sono esposti vari oggetti e paramenti liturgici e alcuni preziosi dipinti. Introdotto da un’ampia scalinata, il duomo si trova a pochi passi dal castello (Largo della Cattedrale).

Nel cuore del paese sabatino, invece, è situata anche la Chiesa di Santa Maria Novella, costruita per volere del Cardinale Giordano Orsini nel 1436. Nei secoli XVI, XVII e XVIII subì in più riprese interventi di restauro e ampiamento fino a conferirgli l’aspetto odierno. A fianco della Chiesa sorge l’ex convento degli Agostiniani oggi adibito a Museo Civico. Inaugurato nel 2006 ospita diverse sale con altrettante sezioni: la Comunità (documenta la storia ella comunità braccianese), l’età etrusca, l’età romana e paleocristiana, la committenza e gli artisti e Testimonianze d’arte sacra.

Il Castello Orsini-Odescalchi

Situato a dominio del grande, celebre e vulcanico Lago Sabatino, Bracciano spicca agli occhi del visitatore soprattutto per l’imponente castello, visibile sin da ragguardevoli distanze. Lo splendido maniero si erge maestoso in una deliziosa piazzetta, Piazza Mazzini, con i suoi alti e poderosi torrioni circolari. Quasi completamente avvolto dalle piante rampicanti, i cui colori mutano in ogni stagione, offrono uno spettacolo assai romantico.

Edificato nel XV secolo dalla famiglia Orsini sopra i resti di una rocca medievale, appartenuta ai dai Prefetti di Vico, il Castello Orsini-Odescalchi, che trae il suo nome dalla famiglia che lo possedette fin dal 1696, conserva all’interno, magnifici affreschi e mobili d’epoca, ed è considerato una tra le dimore signorili fortificate, più eleganti d’Italia.

Il borgo antico

Tutt’attorno al castello si snodano i vicoli dell’antico borgo di Bracciano, uno tra i più pittoreschi della Tuscia Romana. La caratteristica peculiare del borgo, infatti, è costituita dalle abitazioni costruite interamente con la locale pietra lavica. Uno scenario ameno dunque, che però non deve trarre in inganno. Di notte, infatti, il castello (reso ancor più scenografico da una magistrale illuminazione artistica) assume un aspetto tetro e oscuro che lo riporta alla mente quale scenario perfetto di quell’epoca estrosa e rivoluzionaria sì, ma anche frivola e violenta che fu il Cinquecento.

Cosa visitare nei dintorni di Bracciano

Notevoli sono i dintorni di Bracciano a cominciare, ovviamente, dal sottostante lago omonimo, uno dei laghi vulcanici più grandi d’Italia. Tra le bellezze naturali ricordiamo tutto il Parco Naturale Regionale Bracciano – Martignano e la Faggeta del Monte Raschio nei pressi di Oriolo Romano, da alcuni anni inserita tra i Patrimoni Naturali dell’Umanità dall’UNESCO. Si consiglia, inoltre, la visita ai borghi di Anguillara Sabazia e Trevignano Romano che consentono di effettuare piacevoli passeggiate nel centro storico e lungo le coste del lago.

A circa 13 km da Bracciano si trova la misteriosa e quanto mai suggestiva Monterano, città abbandonata, meta ogni anno di un afflusso turistico sempre maggiore.

Per chi ama i piccoli centri sconosciuti ma meritevoli di una visita, consigliamo Torrimpietra, un minuscolo borgo a circa 28 km a sud. Di origini medievali conserva ancora l’antica torre merlata e l’originario complesso fortificato, recentemente restaurato ma che ha mantenuto intatto il suo fascino. Da vedere ci sono la torre, le sale del castello, la Chiesa di Sant’Antonio abate, la chiesa di San Pietro, la chiesa della Misericordia, la Torre del Pagliaccetto. Oggi è una splendida location per matrimoni, meeting e cerimonie.

Informazioni Turistiche

Comune di Bracciano
Piazza IV Novembre, 6
Tel. +39 06.99.81.61
Sito Web del Comune

Ufficio Informazioni Turistiche
Nei giorni di chiusura per le informazioni turistiche ci si può rivolgere presso l’Ufficio Realazioni con il Pubblico in Piazza IV Novembre 6
Tel. / Fax +39 06.99.81.62.62

Come arrivare a Bracciano

Redazione Lazio Nascosto © Riproduzione vietata | Copyright

Lazio Nascosto © 2022 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it
Realizzato da SyriusWeb