Palazzo Doria – Pamphilj a Valmontone

Guida su cosa vedere e come visitare il Palazzo Doria-Pamphilj

Nel cuore della cittadina di Valmontone, a circa 45 km da Roma, sorge il possente Palazzo Doria-Pamphilj, unica testimonianza del lungo passato feudale della cittadina. In origine era presente il Castello Sforza poi trasformato in palazzo baronale a cominciare dai Barberini, fautori dei primi lavori di ampliamento e ristrutturazione iniziati nella prima metà del XVII secolo.

Momento storico importante per Valmontone e il palazzo fu l’acquisizione nel 1651, da parte del principe Camillo Pamphilj, dell’intero feudo. Il principe portò avanti un ambizioso progetto che prevedeva di creare una città ideale (Città Panfilia) con l’inclusione di vari edifici oltre al palazzo. Il principe chiamò a sé diversi artisti dell’epoca guidati dal padre gesuita Benedetto Molli. I lavori durarono dal 1653 al 1658 circa e continuarono fino al XVIII secolo.

La Struttura e le Opere Artistiche

Il Palazzo Doria-Pamphilj si presenta al visitatore massiccio, squadrato con intonaco bianco e rifiniture in marrone scuro. È costituito da ben 365 stanze. Il cuore del palazzo è il piano nobile dove possiamo ammirare alcuni pregevoli affreschi realizzati da artisti di un certo rango tra cui annoveriamo Pier Francesco Mola, Gaspard Dughet, il Borgognone, Francesco Cozza e Mattia Preti.

Palazzo Doria - Pamphilj a Valmontone (RM) | Lazio Nascosto
Il Palazzo Doria - Pamphilj

Queste opere d’arte sono state realizzate tra il 1657 e il 1661 e ogni gruppo di affreschi si ispira ad una tematica ben precisa, per cui abbiamo: le quattro stanze degli Elementi (Fuoco, Aria, Acqua e Terra), i quattro camerini dedicati ai Continenti (le Americhe, Europa, Asia e Africa), la stupenda Sala del Principe, con le pareti decorate a Trompe-l’œil, e due cappelle private, chiamate “Cappella del Padreterno” e “Cappella di Sant’Agnese”.

Il Museo Archeologico del Palazzo Doria – Pamphilj

Altra perla del Palazzo è il Museo Archeologico, disposto su 4 sale, dove sono conservati documenti, reperti e ricostruzioni degli antichi insediamenti rurali nei dintorni di Valmontone. Tra questi sono presenti il villaggio dei carbonai presso Colle Carbone, l’insediamento agricolo di Colle dei Lepri, le terme romane e la fornace di Colle Pelliccione. Elemento di spicco del museo è un pettorale in cuoio e lamine d’oro, probabilmente indossato da una giovane donna. Nel 2011 fu portato alla luce un sarcofago risalente al III secolo d.C. con alcuni resti del corpo.

Grazie al suo significativo valore storico e artistico è stato inserito nella rete delle Dimore Storiche del Lazio.

Informazioni turistiche

Palazzo Doria – Pamphilj
Piazza Umberto Pilozzi
00038 Valmontone (RM)

Comune di Valmontone

Via Nazionale, 5
Tel. +39 06.95.99.01
Sito Web: www.comune.valmontone.rm.it

Museo Archeologico
Piazza Umberto Pilozzi
Tel. +39 06.95.99.38.231 – 06.95.99.02.11/235
Sito Web: beni-culturali.provincia.roma.it/content/museo-di-palazzo-doria-pamphilj

Rete Dimore Storiche del Lazio
www.retedimorestorichelazio.it/dimora/rm/valmontone/palazzo-doria-pamphilj/

Redazione Lazio Nascosto © Riproduzione vietata | Copyright

Lazio Nascosto © 2021 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | Iscrizione al Registro delle Imprese REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it Realizzato da SyriusWeb