Villa dei Quintili

Cosa vedere alla Villa dei Quintili

Tra l’Appia Antica e l’Appia Nuova si erge quella che un tempo fu la più grandiosa e ricca residenza del suburbio romano: la Villa dei Quintili. È così chiamata poiché fu voluta da Sesto Quintilio Condiano e Sesto Quintilio Valerio Massimo. Erano noti consoli romani, sotto il regno di Marco Aurelio, grazie anche alla loro vasta cultura. Il suo successore, Commodo, li accusò di tramare contro di lui e li fece uccidere, confiscando tutte le ricchezze e le proprietà dei consoli.

Così Villa dei Quintili si trasformò, dopo una serie di lavori di ampliamento, in villa imperiale. Qui l’imperatore passava molto del suo tempo grazie alle proprietà termali e alla salubrità dell’aria. L’ingresso alla Villa dei Quintili è posto sul lato che si affaccia verso l’Appia Antica, e si possono individuare i resti del ninfeo che in epoca medievale venne trasformato in castello.

Struttura Architettonica della Villa dei Quintili

La villa è strutturata in 5 settori principali: un grande ninfeo, un giardino ad ippodromo, uno stadio, un nucleo residenziale e due ambienti per le terme disposti ai lati della settore residenziale. L’accesso alla villa era posto sulla via Appia ed era introdotta da un maestoso ninfeo composto da due piani e un’ampia esedra semicircolare, dove al centro era disposta una fontana. Il pavimento è formato da grandi tessere musive di colore bianco e nero.
La parte residenziale della Villa dei Quintili è caratterizzato da un ampio cortile rettangolare. Il pavimento e le pareti sono coperte da marmi colorati. Le parti superiori e le volte degli ambienti erano decorati da pitture e stucchi. Infine, sul versante orientale, si estendeva un secondo giardino a forma di circo.

Villa dei Quintili | I Siti Archeologici di Roma

Inoltre intorno al nucleo centrale del complesso erano disposti gli ambienti padronali, incluse le stanze da letto e i criptoportici, quelli per la servitù e le terme. Queste aree costituivano la parte più maestosa del complesso monumentale. In particolare erano presenti: un edificio circolare, una serie di stanze e due grandi sale per le terme ossia il calidarium (sale con acqua calda) e il frigidarium (sala con acqua fredda), alte quattordici metri, con ampie finestre e pregevoli marmi policromi.

Il Giardino dei Patriarchio e l’Antiquarium

Villa dei Quintili era immersa nella magnifica campagna romana e a pochi km dai colli albani. Il suggestivo panorama offerto, ispirò, nel corso del tempo, numerosi e celebri artisti. Il 27 settembre 2013 è stato inaugurato il Giardino dei Patriarchi, un giardino davvero speciale, dove sono conservati i “gemelli” degli alberi monumentali più significativi di tutte le regioni d’Italia.

Infine nelle vicinanze è stato realizzato un Antiquarium dove sono esposti reperti archeologici ritrovati durante gli scavi eseguiti tra il 1925 ed il 1929, e alla fine degli anni Novanta. Spicca al centro della sala la possente statua di Zeus seduto su una roccia, risalente alla prima metà del II secolo d.C.
Negli espositori si possono osservare statuette provenienti dall’area di un santuario dedicato a divinità orientali ed a Zeus Bronton. Inoltre sono conservati alcuni frammenti di affreschi da parete, monete, ritratti e alcune decorazioni architettoniche.

Elementi architettonici e artistici del Colosseo – Arena

L’arena era fatta in parte di tavole di legno e in parte in muratura. Era sempre ricoperta di sabbia così da assorbire il sangue delle uccisioni durante i combattimenti e ripulita spesso. Al di sotto dell’arena vi erano vari ambienti collegati ad un corridoio centrale in corrispondenza dell’asse maggiore e articolati in dodici corridoi curvilinei. In questi locali si trovavano anche montacarichi per portare sull’arena animali e macchinari.

Cosa vedere nei dintorni della Villa dei Quintili

L’attrazione storico-turistica più importante da vedere nei dintorni della Villa dei Quintili è il parco di Via Appia Antica. Si tratta di una delle aree archeologiche più significative della capitale con importanti testimonianze architettoniche e artistiche dell’epoca romana.

Come visitare la Villa dei Quintili

Orari di visita e Prezzi del biglietto

Villa dei Quintili

Giorni e Orari

Da martedì a domenica ingresso dalle ore 9.00 e ultimo ingresso secondo la seguente articolazione:

dall’ultima domenica di ottobre al 15 febbraio: ultimo ingresso 15.30 con uscita 16.30;
dal 16 febbraio al 15 marzo: ultimo ingresso 16.00 con uscita 17.00;
dal 16 marzo all’ultimo sabato di marzo: ultimo ingresso 16.30 con uscita 17.30;
dall’ultima domenica di marzo al 31 agosto: ultimo ingresso 18.30 con uscita 19.30;
dal 1 settembre al 30 settembre: ultimo ingresso 18.00 con uscita 19.00;
dal 1 ottobre all’ultimo sabato di ottobre: ultimo ingresso 17.30 con uscita 18.30.

Chiuso: lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio
Aperta 24 e 31 dicembre con orario consueto
Prima domenica di ogni mese: ingresso gratuito per tutti

Per maggiori informazioni sugli orari d’ingresso
Sito Web: www.coopculture.it


Prezzi del Biglietto

Biglietto combinato (durata 1 giorno) Mausoleo Cecilia Metella + Villa dei Quintili/Santa Maria Nova
Intero: 5,00 €
Ridotto: 2,50 €

Per ulteriori informazioni sul prezzo del biglietto
Sito Web: www.coopculture.it

Come raggiungere il Colosseo

Per raggiungere la Villa dei Quintili, consulta le linee e gli orari dei bus cliccando qui

N.B. Gli orari di visita, il prezzo del biglietto del monumento e i percorsi dei mezzi pubblici (inclusi numero del mezzo e orari di partenza e arrivo) potrebbero subire modifiche e/o cancellazioni. Si consiglia, pertanto, di consultare SEMPRE i siti ufficiali degli enti ed agenzie che erogano il/i servizio/i.

Informazioni turistiche

Villa dei Quintili
Via Appia Nuova, 1092
Zona: Capannelle (Roma sud)
Via Appia Antica 251 (Santa Maria Nova)
Sito web: http://www.060608.it/it/cultura-e-svago/beni-culturali/beni-archeologici/villa-dei-quintili.html
Sito Web: https://www.coopculture.it/heritage.cfm?id=87#

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb