Carpineto Romano (RM)

Cosa visitare e cosa vedere a Carpineto Romano

Carpineto Romano si trova nel cuore del gruppo montuoso dei Monti Lepini, che si estendono a cavallo delle provincie di Roma, Latina e Frosinone. Situato a 550 metri di quota, è adagiato su due colli alle pendici del Monte Capreo sulla cui cima si può ammirare una grande croce in ferro. La croce, a scopo commemorativo, fu posta per ordine di papa Leone XIII, nato il 2 marzo del 1810 proprio in questo borgo lepino.

Le prime testimonianze scritte che citano Carpineto Romano risalgono al 1077. Tuttavia sappiamo con certezza che in precedenza il territorio era occupato dalla popolazione italica dei Volsci. In quell’anno, infatti, i Canonici Lateranensi diedero in affitto il feudo alla famiglia dei De Ceccano. Nel 1299 subentrarono i Caetani e, dopo un susseguirsi di famiglie a governo del feudo, si giunse alla fine del XVI secolo, quando il cardinale Pietro Aldobrandini acquistò l’intero territorio feudale.

Carpineto Romano | Cosa vedere

Il centro storico

Il borgo di Carpineto Romano conserva in buona parte il suo aspetto medievale. Inoltre, la sua posizione lo rende uno tra i paesi dei Monti Lepini, e di tutto il circondario, più visitati e conosciuti. Passeggiando tra le vie del borgo, si consiglia di visitare le numerose chiese tra cui la Chiesa Collegiata del Sacro Cuore, la Chiesa di San Pietro Apostolo con annesso il convento, la Chiesa di Sant’Agostino e il convento, la Chiesa di San Leone Magno, la Chiesa di Santa Maria del Popolo, la Chiesa di San Sebastiano e così via.

Palazzo Pecci

Nel borgo antico, oltre ai luoghi di culto citati, segnaliamo una delle più interessanti testimonianze storiche del borgo. Si tratta del Palazzo Pecci edificato tra il XII e il XVIII secolo e costituito da 3 importanti sale interne: la Sala Lunga, la Sala delle Fettucce, la biblioteca, la Sala di Monsignore e il museo. Il Palazzo Pecci si trova nella parte più alta di Carpineto Romano.

I musei di Carpineto Romano

Oltre a quello di Palazzo Pecci, troviamo anche altri importanti musei, come il Museo la “Reggia dei Volsci” situato all’interno di Palazzo Aldobrandini, il “Museo dei Cimeli di Leone XIII” visitabile nell’ex chiesa di San Nicola, la Mostra di Arte Sacra “Simulacrum” ospitata nella chiesa di San Giacomo e infine il suggestivo museo Agropastorale “Le Capanne”.

Per completare la visita a Carpineto Romano possiamo segnalare la caratteristica Fontana del Tripisciano, il monumento ai caduti e il Parco Martiri del 1944.

Cosa visitare nei dintorni di Carpineto Romano

Carpineto Romano si trova in un’ampia vallata nel cuore dei Monti Lepini e per questo occorrono alcuni km per visitare i borghi nei dintorni. Tuttavia, il piccolo sforzo verrà ripagato dalla bellezza dei luoghi ad iniziare da Segni (16,4 km), Cori (35,5 km), Norma (49,9 km) e la vicina città perduta di Norba, Sermoneta (45,7 km) con l’imponente Castello Caetani, Bassiano (36,9 km) e il suo particolare Santuario del Crocefisso e Priverno. Senza dimenticare la suggestiva Abbazia di Valvisciolo (nei pressi di Sermoneta) e la famosa Oasi di Ninfa. Tutti luoghi dal grande fascino e dalla ricca storia che catturerà il visitatore.

Ricordiamo anche che i Monti Lepini nonostante possano apparire privi di particolare interesse, custodiscono in realtà (oltre ai borghi citati) importanti emergenze naturalistiche e ambientali. Una buona parte di essi è coperta da boschi, in particolare nelle aree ricadenti nelle provincie di Roma e Frosinone. Numerosi sono i sentieri, che permettono di raggiungere praticamente tutte le cime del gruppo, offrendo paesaggi insoliti e ricchi di atmosfera, specie in autunno e in primavera.

Informazioni turistiche

Comune di Carpineto Romano
Piazza della Vittoria, 1
Tel. +39 06.97.18.001
Sito Web del comune

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb