Arpino (FR)

Cosa visitare e cosa vedere ad Arpino

Tra i centri abitati che sorgono nell’area compresa tra il medio corso del Fiume Liri e il Fiume Melfa, Arpino è quello che può vantare le più grandi ricchezze sia storiche che culturali. Adagiato su dolci colline, sorge a 450 metri di altezza e accoglie al suo interno importanti palazzi storici e pregevoli chiese.

Tra i primi possiamo citare il Palazzo del Cavalier d’Arpino e il Palazzo Municipale. Sulla facciata del municipio sono posti i busti di Vittorio Emanuele II e Garibaldi e di due insigni concittadini di Arpino, Giuseppe Cesari e San Francesco Saverio. Altri palazzi storici sono il Palazzo del “Tulliano” che accoglie il famoso liceo, il Palazzo Quadrini e il Palazzo Sangermano. Notevole è anche il Castello Ladislao, costruito nel 1269 da Ladislao D’Angiò Durazzo, che si presenta ora con le sembianze di un palazzo.

arpino cosa vedere

Le chiese di Arpino

La più importante chiesa di Arpino è quella dedicata a San Michele Arcangelo. Recenti studi fanno ritenere che l’attuale edificio sorge su un antichissimo tempio pagano. Tuttavia, l’attuale struttura risale al XVIII e XIX secolo. Altre chiese, oltre a quelle che si trovano nell’antico borgo di Civita Vecchia sono quelle dedicate alla Madonna di Loreto, caratteristica per la sua pianta a forma ottagonale, a Sant’Antonio ricca di elementi decorativi e a Sant’Andrea. Essendo Arpino una cittadina ricca di storia non possono quindi mancare le tradizioni e le ricorrenze.

Le feste tradizionali di Arpino

Il Pappone

Tra le tradizioni si può citare la distribuzione gratuita di polenta che ricade il giorno di Sant’Antonio Abate. Questa ricorrenza è chiamata il “Pappone” e viene celebrata il 17 gennaio per ricordare le gesta della confraternita locale. Questa, infatti, distribuiva ai poveri un pasto caldo proprio nel giorno dedicato a Sant’Antonio.

Il Favone

Altra manifestazione è il “Favone” di San Giovanni che ricade all’inizio dell’estate (23 giugno) per celebrare un’antica ricorrenza pagana legata ai cicli del sole e della semina. Nel quartiere Colle si allestisce una grande pira fatta con ginestre che viene arsa al calare del sole. Durante l’attesa gli arpinati e i visitatori rallegrano la festa con canti e balli tra bicchieri di vino e spaghettate.

Il Gonfalone

Altra festa tipicamente culinaria è il “Gonfalone” (domenica successiva al Ferragosto) dove i quartieri della cittadina si sfidano in una gara culinaria alla riscoperta dei sapori tipici della tradizione arpinate. Tra le feste più importanti che si svolgono ad Arpino è però quella dell’Assunta che ricade il 15 agosto in cui una grande processione si snoda tra le vie del paese portando una statua lignea della Madonna risalente all’XI secolo collocata su una monumentale portantina dorata sorretta da otto persone.

Cosa visitare nei dintorni di Arpino

L’attrazione storico-archeologica più importante da visitare è senza dubbio la cosiddetta Acropoli o Civita Vecchia (in altri casi Civita Vecchia) a cui rimandiamo per maggiori approfondimenti sulle modalità di visita. A distanza di qualche km si consiglia la visita alle Cascate del Fiume Liri presso Isola del Liri (6 km da Arpino), il Lago di Posta Fibreno protetto da una riserva naturale (circa 19 km da Arpino) e il Castello di Vicalvi vicino al paese omonimo (circa 18 km da Arpino) a cui rimandiamo per ulteriori informazioni su come visitarlo.
Da vedere, infine, è il Castello di Monte San Giovanni Campano (circa 20 km) uno dei manieri più interessanti della Ciociaria.

Informazioni turistiche

Comune di Arpino
Via Aquila Romana, 2
Tel. +39 0776.85.21.35
Fax +39 0776.84.80.10
Sito Web: Sito ufficiale del comune

Arpino Turismo
Sito Web: www.arpinoturismo.it

Lazio Nascosto © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb