LAGO ALBANO




Il Lago di Albano è tra i luoghi più conosciuti e frequentati della provincia di Roma, esclusa la capitale ovviamente. È il quarto bacino vulcanico del Lazio per estensione e il più profondo con i suoi 168 metri. La sua struttura geomorfologica riflette quella tipica dei laghi vulcanici, insieme al vicino Lago di Nemi. Di notevole valore ecologico è, infatti, la copertura boschiva, che in alcuni tratti della caldera risulta fitta.. La fauna ittica del Lago Albano è composta dalla Tinca, il Persico reale, la Rovella e la Scardola mentre abbondante è l’Anguilla. Nonostante la presenza di numerose attività umane lungo una buona parte delle rive del lago, anche gli uccelli riescono comunque a trovare un ambiente abbastanza buono per la sosta o la nidificazione. In particolare si segnalano specie come i Germani reali, Moriglioni, Alzavole e Morette. Durante l’inverno è relativamente facile osservare il Cormorano e la Folaga. Nella boscaglia, specialmente nei tratti un po’ più scoperti è possibile vedere o ascoltare il canto del Passero solitario o della Sterpazzolina mentre con un’attenta osservazione è possibile scorgere la sagoma de Gheppio e del Falco Pellegrino.
Ad arricchire maggiormente l’area del Lago Albano, è la presenza di alcuni grossi borghi, in particolare
Albano Laziale, appunto, e Castel Gandolfo. Il primo ha avuto sicuramente una storia abbastanza travagliata. Le sue origini storiche possono essere fatte risalire con buona approssimazione alla mitica città di Albalonga. Le ricerche archeologiche datano i resti di tale città tra l’830 a.C. e il 730 a.C. Gli avvenimenti che si susseguono nei secoli successivi, più o meno importanti, sono numerosi e complessi che esulano dal nostro obiettivo.
Attualmente la città di Albano è uno dei centri più importanti e ed economicamente più progrediti dei castelli Romani, grazie anche alla vicinanza di Roma e alla presenza della consolare Appia all’interno del centro abitato. A pochi km a sud di Albano sorge Castel Gandolfo celebre centro turistico conosciuto per ospitare la residenza estiva del Papa. L’origine del nome deriva dalla Famiglia longobarda dei Gandolfi che agli inizi del XI sec. entrarono in possesso del territorio dove successivamente costruirono un castello da cui il nome attuale del paese. Numerose sono le ville e palazzi storici di epoca antica come il Palazzo Pontificio risalente al 1628 e la villa Pontificia, Villa Torlonia, Villa Chigi. Tra quelle più antiche di età romana si possono citare la Villa Publio Clodio Pulcro, Villa di Tito Flavio Domiziano. Anche gli edifici di culto sono di una certa importanza come Collegiata Pontificia di San Tommaso da Villanova, Chiesa della Madonna del Lago, Chiesa di Santa Maria Assunta e così via. Come è stato detto per la città di Albano anche Castel Gandolfo ha molte ricchezze storiche e archeologiche che risulta impossibile, in questa sede, descriverle tutte in modo esaustivo.
Dunque è chiara l’importanza storico-culturale che assume
Castel Gandolfo non solo nei Castelli Romani ma anche in un ambito territoriale più vasto. Certamente molta della vocazione turistica di queste due città, e di molte altre, è favorita dalla presenza del Lago Albano e dal vicino Lago di Nemi. Quindi come in molti casi in Italia, la saggezza nel conciliare lo sviluppo turistico e la salvaguardia degli ambienti lacustri, sono elementi che possono risultare determinanti per il futuro economico, sociale ed ambientale del territorio in cui essi sono inseriti. Oltretutto molte sono anche le attività sportive che è possibile praticare intorno al Lago Albano e sulle sue acque. La canoa e il pedalò sono tra le attività più praticate mentre le rive sono facilmente percorribili facendo jogging, mountain-bike o una rilassante passeggiata sotto la boscaglia. Dunque un vero tesoro da rispettare e da vivere in svariati modi, il tutto a pochissimi km dalla caotica metropoli romana.



Appunti di Viaggio

Comune di Albano Laziale
Piazza della Costituente, 1
E-mail: protocollo@cert.comune.albanolaziale.rm.it
Sito Web: www.comune.albanolaziale.rm.it


Ufficio Relazioni con il Pubblico
Tel. (Centralino): +39 06.93.29.51
E-mail: urp@comune.albanolaziale.rm.it


Comune di Castel Gandolfo
Piazza della Libertà, 7
Tel. +39 06.93.59.181
Fax +39 06.93.59.18.211
Sito Web
: www.comune.castelgandolfo.rm.it


Cosa vedere e visitare nei dintorni del Lago Albano

Oltre ai borghi principali di Albano e Castel Gandolfo, i dintorni del Lago sono ricchissimi di elementi naturalistici (grazie anche alla tutela del Parco dei Castelli Romani) come il Lago di Nemi, storici come i borghi di Ariccia, Rocca di Papa e Nemi.
Di grande importanza storica è il
Tuscolo (Tusculum), sito archeologico vicino Monte Porzio Catone, Negli ultimi anni ha subito una serie di lavori di restauro, rivalutando turisticamente tutta l'area.
Consigliabile è il
sentiero che percorre quasi per intero le rive del lago (versante sud-orientale), e che permette di osservare da vicino la bellezza dello specchio d'acqua. A parte qualche brevissimo tratto tutto l'itinerario è sotto una fresca boscaglia e la comodità del terreno, consente di praticare sport all'aria aperta, sempre nel massimo rispetto per la natura circostante, come jogging, mountain-bike oppure una semplice passeggiata.


Mappa




Voci Correlate

In tour ra i Laghi del Lazio
Visita il borgo di Albano Laziale
Scopri il borgo di Castel Gandolfo
Scopri gli itinerari vicino al Lago Albano
I Parchi Naturali del Lazio
In tour tra i Castelli del Lazio
Visita le Città Abbandonate del Lazio

Lago Albano | I Laghi più belli da vedere del Lazio


Scopri Cosa Visitare e
Cosa Vedere nel Lazio