CASTELLO RUSPOLI




Nell’853, quando Vignanello era parte dello stato Pontificio, venne edificata la rocca dai frati Benedettini. La prima feudataria di Vignanello fu Beatrice Farnese nel 1531. Nel 1536 Papa Paolo III Farnese confermò, alla morte di Beatrice, la discendenza alla figlia Ortensia, sposata a Sforza Marescotti. Il castello Ruspoli subì una trasformazione secondo gli schemi architettonici Ghibellini, su disegno del Sangallo.

Il Castello Ruspoli allo stato attuale è come lo volle nel 1610 Ottavia Orsini, moglie di Marc’Antonio Marescotti, figlia di Vicino Orsini creatore del suggestivo giardino di Bomarzo. Nel 1704 il castello prende il nome di Ruspoli, con l’obbligo di tramandare il nome.

Questo giardino e’castello ruspoli da considerarsi uno dei più bei parterres esistente in Italia. Seppur creato nel ‘600 ha mantenuto sino ad oggi la sua struttura originaria: lo spazio perfettamente rettangolare è attraversato da quattro viali, suddiviso in dodici parterres di bosso allineati, squadrati e compatti.

Il giardino del Castello Rusppoli ha la nitidezza e perfezione di un disegno geometrico, al centro della piana si adagia una grande vasca recinta da quattro arcate di balaustre. Originariamente salvia e rosmarino creavano le linee geometriche: oggi e’ il bosso a scandire queste storiche geometrie.



Appunti di Viaggio e Informazioni Turistiche

Castello Ruspoli
Tel. +39 0761.75.53.38
Fax: +39 0761.75.53.38
Cell. +39 328.20.38.776
Sito Web: www.castelloruspoli.it


Aperto tutti le domeniche e i festivi da Aprile a Novembre. Gruppi e scuole su prenotazione
Biglietto 10,00 € - Ridotto 6,00 €



Acquista la Guida sui Castelli e le Fortezze abbandonate del Lazio

I Castelli Perduti del Lazio...e i loro segreti - Eremon Edizioni




Mappa




Voci Correlate

Visita i Castelli del Lazio
I Borghi più belli del Lazio
I Borghi abbandonati del Lazio
I Luoghi Misteriosi del Lazio
I Luoghi di Culto del Lazio

Castello Ruspoli a Vignanello | I Castelli, le Rocche e Fortezze da visitare nel Lazio


Scopri Cosa Visitare e
Cosa Vedere nel Lazio