ROCCA FRANGIPANE




Isolata in un paesaggio arcaico e quasi immutato nel tempo, Tolfa domina con la sua rocca le aspre e silenti colline della Valle del Mignone. Qui, nel fulcro della Tuscia, ove l'antica presenza etrusca è sempre nell'aria, i grandi orizzonti vuoti come secoli or sono riportano indietro ad un passato altrove perduto. Da ovunque si provenga, i resti del castello dei Frangipane compaiono arroccati in cima ad uno spettacolare colle trachitico dalla forma vagamente conico-piramidale, mentre la cittadina si distende a ventaglio lungo i fianchi di boscosi crinali. La “piramide di Tolfa”, come viene talvolta chiamata, spicca sin da grandi distanze e forma, assieme al paesaggio naturale circostante, uno scenario di grande suggestione.
In tutto il territorio si ammirano ruderi di ogni epoca, segno che almeno sino al Medioevo la zona dovette presentarsi assai più abitata.
Ad ogni modo, nel corso dell'Età di Mezzo la Rocca Frangipane subì assedi e distruzioni, a causa della posizione strategica che permetteva il controllo di un'area vastissima. Una leggenda locale narra che durante un feroce assedio, con la popolazione ormai esausta e senza cibo, un'astuta anziana di nome Lizzera ebbe la coraggiosa idea di gettare dalla rocca un vitello e un grosso sacco di grano, le uniche scorte rimaste: gli assedianti allora si ritirarono, credendo (e temendo) che i Tolfetani disponessero ancora di ingenti viveri, tanto da poterne gettare un grosso quantitativo. L'aneddoto è ricordato dallo stemma di Tolfa, che riporta appunto, oltre rocca frangipane tolfaalla Rocca Frangipane, una vecchia, un vitello e un sacco di grano.

Oggi la Rocca Frangipane è un luogo affascinante, che, per la sua posizione e per le memorie custoditevi, emana un’atmosfera magica e romantica. La modesta struttura, costruita interamente nella locale pietra arenaria, offre una "perlustrazione" in verità brevissima, anche per il cattivo stato della pavimentazione, che copre un piano sotterraneo. Non rimane nulla delle case del primitivo villaggio e degli alloggi militari, che erano contenuti dai resti di mura visibili sulla sinistra scendendo dalla rocca in direzione del paese. Quel che colpisce è però il panorama, che a 360° regala un paesaggio meraviglioso, fra i più belli del Lazio, fatto di interminabili colline che digradano verso la Maremma Viterbese, il Lago di Bracciano e il Mar Tirreno: da qui lo sguardo spazia su buona parte dell’Etruria Meridionale, sino all'Argentario, all'Amiata e, nelle giornate più terse, alle Colline Metallifere, mentre vicine appaiono le selvose alture vulcaniche dei Cimini; con un binocolo si possono scorgere, nello struggente "infinito" delle campagne maremmane, le torri di Tarquinia e Tuscania. D'inverno spiccano il Terminillo e le altre montagne appenniniche umbre, sabine e abruzzesi; a Sud-Est è invece il profilo dei Castelli Romani e dei Monti Prenestini. La Rocca Frangipane vale la visita più per le sue valenze paesaggistiche che per quelle architettoniche, ma che lascia il segno nell'animo sensibile e invita alla riflessione.




Appunti di Viaggio e Informazioni Turistiche

Trova Hotel per soggiornare a Tolfa al Miglior Prezzo

Comune di Tolfa
Piazza Vittorio Veneto, 12
00059 Tolfa (RM)
Tel. +39 0766.93.901
Fax +39 0766.93.90.243
Sito Web:
comune.tolfa.rm.it

I Castelli Perduti del Lazio...e i loro segreti - Eremon Edizioni
TheForkIT_320x53


Cosa Visitare nei dintorni della Rocca Frangipane

Cuore della Tuscia Romana, Tolfa è situata in un lembo di Lazio di straordinario interesse, ove si ammirano senza soluzione di continuità gioielli paesaggistici ed archeologici di ogni tipo, spesso tutelati da aree protette: oltre ovviamente agli stessi Monti della Tolfa, citiamo almeno le necropoli di Cerveteri, il Lago di Bracciano, le rovine di Monterano, la Caldara di Manziana e il Castello di Santa Severa. Piacevole una passeggiata nel centro storico e la visita al Museo Civico, situato nel Santuario di Santa Maria della Sughera. Nelle vicinanze del paese si consiglia inoltre un'escursione ai ruderi dell'Abbazia di Piantangeli con le sue leggende e gli splendidi panorami sulla Valle del Mignone; nei pressi, lungo la strada per Canale Monterano è invece il minuscolo borgo di Rota (privato), mentre non lontane sono le Terme di Stigliano. Da non perdere infine la zona di Allumiere con la sottostante tenuta della Farnesiana, ove si trovano l'omonimo villaggio ed i resti della turrita cittadina medievale di Cencelle, circondati da un paesaggio solenne e solitario.


Come Arrivare

Da Sud, Via Aurelia o Autostrada Roma-Civitavecchia, uscita Santa Severa e poi indicazioni per Tolfa; oppure Via Claudia-Braccianese, indicazioni prima per Canale Monterano e poi per Tolfa. da Nord, Via Aurelia, uscita Civitavecchia e poi indicazioni per Allumiere e infine per Tolfa. Parcheggiare l’auto nei pressi della piazza di Tolfa e salire in modo intuitivo verso la parte alta del paese in direzione delle rovine; si segue poi Via della Rocca, si oltrepassa un arco e si inizia a salire per un sentierino obbligato che conduce in breve alla chiesa e alla rocca, visitabile liberamente; si consiglia di telefonare preventivamente al Comune per sapere gli orari di apertura.


Mappa




Voci Correlate

Visita i Castelli del Lazio
I Borghi più belli del Lazio
I Borghi abbandonati del Lazio
I Luoghi Misteriosi del Lazio
I Luoghi di Culto del Lazio

Rocca Frangipane a Tolfa | I Castelli, le Rocche e Fortezze da visitare nel Lazio


Scopri Cosa Visitare e
Cosa Vedere nel Lazio